Incontro con gruppo consiliare provinciale del Partito Democratico Trentino - INCONTRI    sabato 29/10/2011    PERMALINK

Martedi' 8 novembre 2011 ad ore 20.30 presso la Sala Pubblica di Miola vi e' l'incontro con il gruppo consiliare provinciale del Partito Democratico Trentino.
Saranno presenti i consiglieri provinciali Cogo, Ferrari, Nardelli, Rudari, Zeni e il Sindaco Ugo Grisenti



Post inserito da Sandro Zenoniani - Insieme per Pine'

Commenta queste righe...



Minoranza e maggioranza - articolo su Pine' Sover Notizie dell'ottobre 2011 - AMMINISTRAZIONE    martedý 25/10/2011    PERMALINK

Articolo del numero di Ottobre 2011 di Pine' Sover Notizie.


Sono passati 15 mesi dall'insediamento del nuovo Consiglio Comunale e la popolazione ed in particolare i gruppi consiliari di minoranza (visto che il loro ruolo e' proprio quello di critica e di proposta) avranno gia' stilato un loro bilancio critico se non negativo delle azioni realizzate o di quelle ancora da compiere da parte della maggioranza.

Leggendo lo spazio politico dei precedenti numeri del bollettino comunale - partendo dai primi numeri di Baselga Notizie - si puo' notare che, a seconda del ruolo istituzionale svolto in quel momento (minoranza o maggioranza consiliare), gli interventi sono rispettivamente di critica o di giustificazione dell'operato dell'Amministrazione Comunale. Le parole di volta in volta sono differenti, ma i concetti sono sempre gli stessi: nel caso che chi scriva sia un componente della maggioranza verra' rimarcata l'eredita' ed i conti non in regola lasciati dalla precedente amministrazione, mentre nel caso in cui chi scrive sia un componente della minoranza verra' sottolineata l'immobilita' e la non realizzazione di opere significative.
Analizzando la situazione del nostro comune, si puo' quindi constatare come chi si e' trovato a far parte della maggioranza si e' sentito dire gli stessi concetti e a volte le stesse parole che aveva usato quando era in minoranza e si e' giustificato nello stesso modo che, a ruoli invertiti, aveva fortemente criticato.
Quale e' allora la "verita'"? La "verita'" (termine volutamente messo tra virgolette) e' che amministrare un comune non e' un compito facile ed ancor piu' difficile e' spiegare in pochi minuti i motivi che hanno portato a determinate scelte, in quanto sono il frutto di un lungo lavoro che ha visto gli amministratori comunali percorrere un iter procedurale ben definito. Occorre tenere presente infatti che, oltre agli incontri aperti al pubblico, gli amministratori comunali sono coinvolti in tanti altri incontri dove possono confrontarsi, sia tra di loro che con le varie realta' del nostro comune, al fine di approfondire in ogni aspetto l'argomento trattato e prendere quindi quella che si reputa sia la decisione migliore per la nostra comunita'. L'impegno maggiore e' naturalmente quello dei componenti della Giunta Comunale che si trovano ad affrontare, oltre ai normali impegni istituzionali, una media di quattro incontri settimanali. A seguire c'e' l'impegno dei consiglieri comunali che si attesta in media in un paio di incontri settimanali ai quali occorre aggiungere il tempo dedicato allo studio degli atti e dei documenti.

In questi mesi di attivita' amministrativa mi sono reso conto che la maggior parte della popolazione risulta poco o per nulla informata sull'attivita' svolta ed ignora quali siano i compiti ed il lavoro degli amministratori comunali, confondendo spesso l'attivita' politico-normativa (propria del Consiglio e della Giunta Comunale) con l'attivita' amministrativa svolta dagli uffici comunali.

Mi sono chiesto piu' volte come mai la popolazione non e' informata e l'unica risposta coerente e' quella che la gente non vuole informarsi nonostante siano tante le nuove iniziative avviate per dare maggiore informazione. Si pensi ad esempio allo spostamento d'orario del Consiglio Comunale dalle 18 alle 20 e alla disponibilita' degli assessori a fornire informazioni sull'attivita' svolta (al termine della seduta di giunta durante l'iniziativa "giovedi' tiriamo tardi"). Oltre a questo, come gruppo di Insieme per Pine', organizziamo ogni due mesi un incontro aperto al pubblico e forniamo attraverso il nostro sito internet www.insiemeperpine.it e attraverso i principali social network (coinvolgendo cosi' anche i piu' giovani che sono il futuro della nostra comunita'), una serie di informazioni utili quali il resoconto dei consigli comunali, le principali delibere di giunta, le iniziative intraprese e le attivita' svolte. Questo naturalmente si aggiunge a quanto era gia' in essere precedentemente (bollettino Pine'-Sover Notizie, sito istituzionale e blog, albo comunale cartaceo ed telematico www.albocomunebaselgadipine.it, bacheche nelle frazioni, informazione sui quotidiani e sulle televisioni locali).

Passiamo ora alla seconda considerazione, quale e' il ruolo del Consiglio Comunale? Il consiglio comunale e' l'organo di indirizzo e di controllo politico-amministrativo. Traducendo dal burocratese e semplificando il concetto, questo vuol dire che il Consiglio Comunale decide l'organizzazione dei pubblici servizi scegliendo le modalita' per fornirli, stipula le convenzioni con altre societa'/enti, gestisce il bilancio comunale, disciplina le tariffe ed i tributi, decide l'elenco e la priorita' dei lavori pubblici, decide l'organizzazione territoriale e urbanistica, in generale disciplina le attivita' ed i comportamenti influenti la vita della comunita'.

Il percorso e gli obiettivi che l'amministrazione comunale segue sono quelli contenuti nel documento "Linee programmatiche di mandato" presentato dal Sindaco e votato dal Consiglio Comunale il giorno dell'insediamento, ed e' compito di ogni Consigliere Comunale (soprattutto di maggioranza) verificare che tali linee vengano rispettate.

I Consiglieri Comunali, in quanto scelti dalla popolazione, sono rappresentanti dei cittadini e per questo hanno un compito molto importante e complesso, quello di rilevare e analizzare i bisogni ed i problemi della comunita' e indirizzare l'attivita' del Sindaco e della Giunta alla loro soluzione. Si tratta pertanto di bisogni e/o problemi collettivi ai quali l'amministrazione e' chiamata a dare una risposta attraverso norme generali e astratte che hanno come destinatari una pluralita' indeterminata di soggetti e tutelano l'interesse pubblico.

Differente e' il ruolo degli uffici comunali: questi sono tenuti ad applicare e a far applicare ai cittadini le leggi ed i regolamenti previsti nello specifico campo di competenza, emettendo in autonomia i previsti atti. Non vi e' pertanto un controllo diretto da parte degli amministratori comunali, ma vi e' solo la possibilita' di verificarne l'operato e di indirizzare, attraverso la modifica o l'approvazione dei regolamenti, l'azione complessiva del comune.

In conclusione si invita la popolazione del nostro comune ad interessarsi maggiormente alla vita amministrativa, informandosi puntualmente, partecipando ai consigli comunali e alle riunioni pubbliche, segnalando e suggerendo ai consiglieri comunali di propria fiducia (di minoranza o maggioranza) quelle azioni che si ritengono utili al miglioramento della vita della nostra comunita'.




Post inserito da Andrea Nardon - Insieme per Pine'

Commenta queste righe...



Convocazione Consiglio Comunale venerdi' 28 ottobre 2011 - AMMINISTRAZIONE    venerdý 21/10/2011    PERMALINK

Il Consiglio Comunale di Baselga di Pine' e' convocato per il giorno venerdi' 28 ottobre 2011 ad ore 20.00 presso la Sala Consiliare della Sede Municipale e verranno trattati i seguenti argomenti:

  • Interrogazione presentata in data 24/08/2011 dal Consigliere Claudio Rensi (primo firmatario) e altri su stato di abbandono e degrado dei cimiteri di Baselga e Faida.
  • Interrogazione presentata in data 24/08/2011 dal Consigliere Claudio Rensi (primo firmatario) e altri su pericolo strada di collegamento tra Riposo e Faida.
  • Processo verbale della seduta consiliare del 07/09/2011
  • Nomina del revisore dei conti per il triennio 03/11/2011 - 02/11/2014
  • Variazione al bilancio di previsione per l'esercizio finanziario in corso
  • Regolamento ecofeste
  • Relazione attivita' svolta dalla Polizia Municipale.
  • Presentazione progetto Speed check
  • Relazione situazione opere pubbliche
  • Comunicazioni del Sindaco


Post inserito da Andrea Nardon - Insieme per Pine'

Commenta queste righe...



Consiglio Comunale del 14 ottobre 2011 - AMMINISTRAZIONE    mercoledý 19/10/2011    PERMALINK

In attesa dell'approvazione del verbale del Consiglio Comunale del 14 ottobre 2011, si riporta una descrizione dei lavori svolti in aula. Per la lunghezza degli interventi e la complessita' degli argomenti in discussione risulta difficile descrivere dettagliatamente ogni intervento, sostituito pertanto da un breve riassunto. Invito i Consiglieri Comunali e/o il pubblico presente in aula a riportare nei commenti eventuali precisazioni o aggiunte, grazie.

Poco dopo le 20.00 il Presidente del Consiglio Comunale Alfonso Giovannini coadiuvato dal segretario reggente del comune dott.sa Tatiana Lauriola, dichiara aperta la seduta.

Sono presenti 19 consiglieri comunali (e' assente giustificato il consigliere Claudio Rensi).

Vista l'assenza del consigliere Claudio Rensi le interrogazioni relative allo stato dei cimiteri di Baselga e Faida e della strada di collegamento Faida-Riposo vengono reinviate al prossimo consiglio comunale.
 
Il consigliere comunale Sergio Anesi da lettura dell'interpellanza dove viene chiesto:

- quali le motivazioni che hanno impedito di sistemare l'ingresso del paese (fontana-rotatoria e area circostante)

- se non si ritiene di predisporre un piano per la sistemazione dell'intera area
 
Il Sindaco Ugo Grisenti risponde che si e' dovuto sospendere il funzionamento della fontana a causa della permeabilita' della vasca che crea una lamina d'acqua insidiosa e persistente sulla strada ed allaga la stazione interrata di pompaggio dove e' presente anche il quadro elettrico. La lamina d'acqua presente in curva potrebbe provocare incidenti automobilistici, mentre l'allagamento e l'intenso gocciolio dal soffitto potrebbero causare delle folgorazioni agli operai addetti alla manutenzione, rischio assolutamente improponibile. Viene quindi evidenziata una differenza nell'asse nord-sud di 5cm ed altri difetti tali da indurre l'accertamento di eventuali vizi o difetti di costruzione e pertanto se si agiva con interventi tampone senza aver prima coinvolto tutti i soggetti interessati, si rischiava di annullare la prerogativa di avviare la contestazione per vizio/difetto di costruzione.
 
Il consigliere Sergio Anesi chiede se ci sono novita' rispetto alla data della risposta.

Il Sindaco Ugo Grisenti risponde che l'ing. Martorano sta convocando un tavolo di concertazione.
 
Il consigliere Sergio Anesi si dichiara insoddisfatto della risposta in quanto afferma che la fontana doveva essere aperta durante i mesi estivi. L'opera e' stata realizzata dalla Provincia con 2 milioni di euro di intervento e non e' costata nulla al Comune di Baselga. Ribadisce che doveva essere stuccata o stesa una lamina d'acciaio e che il calo di 5cm e' normale, cosi' come avviene nelle case dei singoli consiglieri.
 
Il consigliere Sandro Valentini ripete quanto detto dal consigliere Anesi.
 
Il consigliere Ambrogio Dalsant chiede quanti soldi si sarebbero spesi per riparare la fontana, ipotizzando la cifra di mille euro. Vedere la fontana spenta nei mesi di luglio e agosto dal punto di vista turistico non e' la cosa migliore. Se costa troppo mantenerla accesa, allora consiglia di riempirla di terra e metterci dei fiori.
 
L'assessore Bruno Grisenti dice di non vedere la fontana come l'unica attrattiva turistica e afferma che chi arriva sull'altopiano si gode l'intero altopiano. Quando si va a Venezia, se il ponte u' chiuso per lavori, l'attrattiva turistica e architettonica di Venezia non viene sminuita.
 
L'assessore Walter Gottardi parla dell'area circostante in quanto nella legislatura 1995-2000 si voleva creare una piccola rotatoria, una biblioteca ed un parco. Per questi motivi era stata demolita la casa ghinarella. Quel progetto poi non u' stato piu' portato avanti dall'amminsitrazione successiva.
 
Il Sindaco Ugo Grisenti ribadisce che anche lui non trova bello che la fontana sia chiusa, ma per non pregiudicare i ricorsi verso il costruttore non u' stato possibile ripararla. Rispondendo al consigliere Dalsant viene indicato un costo per fessurazione di 200 euro per un totale di 6mila/7mila euro. Il costo annuale di funzionamento della fontana varia dai 16mila ai 18mila euro di energia elettrica a seconda dell'utilizzo delle pompe. Si e' anche scoperto che e' ancora presente un contatore di cantiere e per sistemare anche questo occorrono circa 6mila euro.
Qualora non si giunga ad una soluzione attraverso il tavolo di concertazione che sta convocando l'ing. Martorano, la fontana verra' sistemata in altro modo affinchu' possa essere pronta per la prossima primavera.
 
Il consigliere Sergio Anesi afferma che negli anni 2007/2008 i costi andavano da 12mila a 13mila euro. Per risparmiare dice di accorciare il periordo di apertura e nel frattempo invita a mettere i pannelli acquistati dall'ApT per coprire il fondo della fontana.
 
Il consigliere Ambrogio Dalsant per rispondere all'assessore Grisenti afferma che e' logico che la fontana non ha portato turisti in piu' o in meno, ma e' una cigliegina sulla torta.
 
L'assessore Michele Andreatta fa una precisazione: l'opera pubblica e' stata pagata dalla Provincia, ma questo non vuol dire che non e' a carico della comunita'. E' sbagliato pertanto dire che e' a costo zero, in quanto e' stata pagata dall'intera comunita' e anche se non sono stati spesi direttamente dei soldi, si e' ottenuta comunque una riduzione dei servizi. La rotatoria e' sicuramente utile, la fontana invece non lo e'. Occorre stare con i piedi per terra quando si progettano opere pubbliche.
 
Il consigliere Sergio Anesi ribadisce che non e' costata nulla all'amministrazione comunale e che anzi con la vendita del terreno ha ottenuto un entrata per l'amministrazione comunale e si vanta pertanto di aver gestito bene il patrimonio comunale.
 
Si passa quindi al punto successivo all'ordine del giorno.
 
Il consigliere Sergio Anesi legge l'interpellanza nella quale chiede come mai venga convocato cosi' raramente il consiglio comunale.
 
Il presidente del consiglio Alfonso Giovannini risponde indicando che il numero di convocazioni del consiglio e' in linea se non superiore agli anni precedenti (in media 11/12 convocazioni l'anno). Ribadisce che e' sempre disponibile ad accogliere le proposte di argomenti da discutere in aula ma si dice restio a convocare consigli comunali per argomenti inutili o discussioni sterili e improduttive. Ricorda quindi che il primo giovedi' di ogni mese la giunta si e' resa disponibile ad incontrare i capogruppo cosi' da informarli sull'attivita' e per concordare gli argomenti da portare in consiglio comunale.
 
Il consigliere Sergio Anesi stigmatizza la frase "discussioni sterili e improduttive" in quanto non crede sia questo il ruolo di un presidente super partes. Ribadisce quindi che e' il consiglio comunale il luogo dove si deve discutere e propone alcuni argomenti quali le opere pubbliche, l'urbanistica, la Comunita' di Valle, l'ApT, lo statuto comunale. Dice anche che lui e altri della minoranza non sono interessati al gettone di presenza e rinuncerebbero anche a quello.
 
Il consigliere Sandro Valentini ripete quanto detto dal consigliere Anesi, aggiungendo che se il consiglio comunale viene convocato poche volte vuol dire che l'amministrazione lavora poco.
 
Il consigliere Ambrogio Dalsant ribadisce che e' vero che alle volte pensa che alcune discussioni siano inutili, ma forse lo sono per lui in quel momento cosi' come per altri possono esserlo altri argomenti, per questo motivo afferma che non possiamo essere noi a giudicare.
 
Il presidente del consiglio Alfonso Giovannini si rammarica di essere stato frainteso in quanto intendeva dire che vorrebbe che ci fossero deliberazioni in consiglio e rimandare in altri luoghi (riunioni con i capogruppo, riunioni informali, etc.) la ricerca degli argomenti da discutere. Afferma inoltre che gli atti del consiglio comunale vengono consultati poco.
 
Esce dall'aula il consigliere Ambrogio Dalsant.
 
L'assessore Giuliano Avi afferma che a volte in Consiglio Comunale vengono evidenziati dei problemi attraverso delle interrogazioni senza aver prima contattato l'assessore competente e non riesce a capire i motivi di tali atteggiamenti. Ad esempio per le buche a Montagnaga non e' stata effettuata nessuna segnalazione o telefonata ma e' stata presentata l'interrogazione. Con una telefonata si risolveva molto prima il problema.
 
Rientra il consigliere Dalsant.
 
Il consigliere Sergio Anesi afferma che il ruolo della minoranza e' fare interrogazioni, interpellanze e mozioni.
 
Il Sindaco Ugo Grisenti riprende quanto detto dall'assessore Avi  parla dell'interrogazione sui cimiteri, dicendo che e' normale che visto che erano interessati da lavori straordinari. A volte per risolvere alcuni problemi basta anche una telefonata.
 
Il consigliere Rinaldo Anesi risponde all'assessore Avi dicendo che se la minoranza non fa mozioni ed interrogazioni puo' sembrare che non lavori e questo sarebbe penalizzante per la prossima campagna elettorale, mentre facendo mozioni ed interrogazioni si pu0' poi dire che alcuni lavori sono stati fatti dalla maggioranza perche' richiesti dalla minoranza.
Visti gli altri argomenti all'ordine del giorno e per non far attendere ulteriormente il revisore dei conti, ritiene opportuno rimandare la mozione sulla area pedonale.
 
Il Sindaco Ugo Grisenti passa quindi al successivo punto all'ordine del giorno, il rendiconto finanziario del 2010 e legge una lunga e dettagliata relazione.
Si assentanto e quindi rientrano i consiglieri Anesin, Giovannini e Avi.
 
Il revisore dei conti Condini ringrazia la sig.ra Giovannini Maria e il sig.  Lino Anesi per il lavoro svolto notevolmente aumentato vista l'assenza per maternita' della responsabile del servizio dott.sa Michela Tabarelli. Dopo i ringraziamenti legge la lunga relazione ed alla fine esprime parere favorevole.
 
Escono e rientrano i consiglieri Mattivi e Valentini.
 
Il consigliere Sergio Anesi afferma che il documento contabile attesta la situazione reale del bilancio comunale. Afferma poi che si doveva coinvolgere la Comunita' di Valle per trovare una persona in aiuto all'ufficio ragioneria. Non condivide poi le linee politiche di intervento e di non intervento contenute nel documento, senza specificare a cosa si riferisce. Afferma poi che si doveva usare l'avanzo di amministrazione prima che questo venisse bloccato con il patto di stabilita', in quanto se si fossero impegnati i soldi in quel momento si sarebbero potuti spendere. Ribadisce (collegandosi al discorso precedente delle "rare" convocazioni del consiglio comunale) che occorre parlare della progettazione in consiglio comunale.
 
Il consigliere Rinaldo Anesin afferma che si vede che ora c'e' oculatezza nella spesa e che le difficolta' a livello economico saranno sempre maggiori. Condivide quanto detto dal consigliere Anesi sul discorso che serve maggiore partecipazione di tutti nella fase di progettazione.
 
Il consigliere Giorgio Mattivi rispondendo al consigliere Anesi e riallacciandosi a quanto detto dall'assessore Andreatta ribadisce che non si puo' piu' andare avanti come si e' andati nel passato, occorre quindi pensare a delle opere che non incidano sulla spesa in parte corrente. Abbiamo creato negli anni passati un debito che ora stiamo pagando tutti. Occorre prendere in considerazione il fatto che ora o si aumentano le entrate o si devono diminuire i servizi. Elenca quindi una serie di opere e scelte non corrette (fontana, museo-albergo, edifici scolastici sparsi e non in un unico polo, etc.)
 
Il Sindaco Ugo Grisenti ricorda che non e' piu' possibile mantenere il trend di spesa degli anni passati dove l'avanzo di amministrazione copriva le spese correnti. Ci sono spese molto onerose quali ad esempio lo sgombero neve. Il Sindaco chiede pazienza e comprensione, in quanto se invece che dopo 5cm di neve si passasse dopo 10/15cm si otterrebbe un notevole risparmio.
Ricorda al consigliere Anesi che la stesura di un documento complesso quale il bilancio di un comune non puo' essere effettuata da una persona che viene in prestito un giorno alla settimana.
 
Il consigliere Sandro Valentini chiede quali sono i servizi che paga il comune, in quanto a lui risulta che a parte lo sgombero neve, gli altri servizi il cittadino li paga direttamente.
 
Il Sindaco Ugo Grisenti rispondendo al consigliere Valentini dice che ad esempio ci sono 270mila euro per l'Ice Rink Pine', 60mila euro per l'asilo, etc.
 
Il consigliere Andrea Dalcolmo concorda con il discorso di razionalizzare e dice che anche un padre di famiglia responsabile vede di eliminare le spese superflue. Chiede quindi come si inseriranno le Comunita' di Valle nel fornire i servizi.
 
Il consigliere Rinaldo Anesin dice che la finalita' delle Comunita' di Valle dovrebbe essere quella di migliorare i servizi, ma per ora questo ancora non accade. Per loro (lui e il suo partito Lega Nord Trentino) le comunita' potrebbero essere chiuse. Parla quindi del turismo che potrebbe essere una delle risorse che potrebbe far entrare piu' soldi nelle casse del comune. Ricorda poi che non dobbiamo farci togliere dalle comunita' di valle i servizi in attivo.
 
Il rendiconto finanziario del 2010 viene approvato con 13 voti favorevoli, 3 contrari (Sergio Anesi, Ambrogio Dalsant, Sandro Valentini) e 3 astenuti (Rinaldo Anesin, Marco Cerato, Massimo Sighel).
 
Il Sindaco Ugo Grisenti legge il nuovo regolamento per la raccolta dei rifiuti, la modifica principale riguarda la possibilita' di conferire il rifiuto secco residuo "ingombrante" ai CRM. Per ingombrante si intende ora un volume maggiore della calotta di conferimento dei bidoni stradali.
 
Viene approvato all'unanimita' dei 19 consiglieri presenti.
 
Si passa quindi al punto successivo, la proposta di ridurre percentualmente l'importo dovuto in caso di esenzione dall'obbligo di rispettare le quantita' minime di parcheggio. La proposta viene letta dal vicesindaco Walter Gottardi.
 
Il consigliere Rinaldo Anesin afferma che se si guarda alle casse del comune quei soldi in piu' potrebbero fare comodo, ma concorda comunque con la proposta.
 
Nasce quindi una incomprensione su quale e' l'oggetto della delibera, non si tratta infatti ne di "affittare dei posti macchina comunali" come affermato da alcuni consiglieri di minoranza, ne di esentare dalla costruzione di parcheggi in quanto questa e' gia' prevista dalla delibera provinciale, ma si tratta esclusivamente di decidere quale sia la cifra che deve pagare chi ha diritto a questa esenzione. L'intento era quello di favorire l'eventuale insediamento di attivita' commerciali o altre funzioni quali studi professionali, ambulatori privati, artignato artistico, etc. nei centri storici dei paesi, per far rivivere i centri storici.
 
Il vicesindaco Walter Gottardi coadiuvato dall'assessore Michele Andreatta ha cercato di spiegare piu' volte che si trattava di riduzione di importi da pagare, come scritto chiaramente negli atti a disposizione dei consiglieri comunali, alcuni esponenti della minoranza hanno continuato a non comprendere, insistendo sull'importanza dei parcheggi.
 
Per questi  motivi si e' stralciato il primo punto della proposta di delibera e si e' approvato con 15 voti favorevoli e 4 astenuti (Sandro Valentini, Sergio Anesi, Ambrogio Dalsant, Marco Cerato) il solo punto 2 che prevede l'esenzione prevista per la prima abitazione anche ad un altro alloggio dello stesso proprietario residente nel comune limitatamente alla sola superficie esterna di parcheggio purche' tale parcheggio sia realizzato all'interno dell'edificio.
In questo modo se l'alloggio dispone di parcheggi all'interno di un garage non e' obbligatorio avere anche parcheggi esterni.
 
Il Sindaco Ugo Grisenti ricorda quindi che la Compagnia Arcieri Pine' ha visto altre 3 medaglie d'oro e che il prossimo consiglio comunale sara' attorno alla data del 27 o 28 ottobre 2011.
 
Il presidente del Consiglio Comunale Alfonso Giovannini chiude pertanto la seduta alle 0e30.
 

Questo il resoconto non ufficiale della seduta del Consiglio Comunale di Baselga di Pine' del 14 ottobre 2011. Si ricorda che per la lunghezza degli interventi e la complessita' degli argomenti in discussione risulta difficile riportare dettagliatamente ogni intervento, sostituito pertanto da un breve riassunto. Invito i Consiglieri Comunali e/o il pubblico presente in aula a riportare nei commenti eventuali precisazioni o aggiunte, grazie.

 


Post inserito da Andrea Nardon - Insieme per Pine'

Commenta queste righe...



Questa Ŕ la pagina 26 del Blog Insieme per Pine'