Consiglio Comunale del 28 giugno 2013 - AMMINISTRAZIONE    domenica 30/06/2013    PERMALINK

In attesa dell'approvazione del verbale del Consiglio Comunale del 28 giugno 2013, si riporta una descrizione dei lavori svolti in aula. Per la lunghezza degli interventi e la complessita' degli argomenti in discussione risulta difficile descrivere dettagliatamente ogni intervento, sostituito pertanto da un breve riassunto. Invito i Consiglieri Comunali e/o il pubblico presente in aula a riportare nei commenti (e ad avvisare via email affinche' vengano subito visualizzati) eventuali precisazioni o aggiunte, grazie.

Alle 20e10 il Presidente del Consiglio Comunale Alfonso Giovannini coadiuvato dal segretario reggente del comune dott.sa Tatiana Lauriola, dichiara aperta la seduta.

Sono presenti 19 consiglieri comunali. E' assente giustificato il consigliere comunale Giorgio Mattivi.
Il presidente del consiglio comunale Alfonso Giovannini inizia la seduta parlando della chiusura della Whirpool che coinvolge 450 famiglie tra i quali molti nei nostri concittadini oltre alle conseguenze relative all'indotto. Fa quindi gli auguri al consigliere Costantino Bortolotti per la nascita del figlio Jacopo.
 

Il consigliere comunale Claudio Rensi si unisce a quanto detto dal presidente al  riguardo della Whirpool e agli auguri al consigliere Bortolotti per la nascita del figlio. Quindi legge la prima interrogazione che riguarda gli
"appalti pubblici" dove chiede quanti sono gli appalti fatti d'urgenza, se esiste un albo comunale delle imprese locali, a quali ditte sono stati dati i lavori e a quali progettisti. Ha visto la risposta molto dettagliata data dagli uffici riguardo i lavori 2010-2013 e considerato che in passato ci sono stati dei problemi dice alla giunta di fare molta attenzione quando vengono dati dei lavori ai consiglieri comunali o ai parenti degli stessi.
 
Il consigliere Sandro Valentini si associa a quanto detto relativo alla Whirpool quindi entra nel merito della interrogazione dicendo che in passato u' stato coinvolto in problemi di questo tipo.
 
L'assessore Michele Andreatta legge la risposta all'interrogazione dove viene evidenziato che la L.P. prevede di affidare in via diretta solo per alcuni casi tra i quali i contratti sotto i 50mila euro, quando non perviene nessuna offerta e nei casi di urgenza. Non ritiene di costituire un albo comunale in quanto sarebbe un doppione rispetto all'albo telematico delle imprese.
 
Il consigliere Claudio Rensi chiede all'assessore se concorda di non affidare lavori ai consiglieri comunali.
 
L'assessore Michele Andreatta dice che non vuole discriminare i consiglieri comunali non dandogli i lavori, ma li tratta come tutti gli altri.
 
Il consigliere Claudio Rensi ribadisce che non condivide di dare i lavori ai consiglieri comunali.
 
L'assessore Michele Andreatta legge quindi l'elenco delle ditte alle quali e' stato dato un lavoro per far conoscere a tutti che sono molteplici le aziende che hanno ricevuto incarichi dal comune.
 
Il consigliere Claudio Rensi insiste nel dire che non ritiene etico dare a dei consiglieri comunali o ai parenti degli stessi i lavori.
 
Durante il dibattito emergono due casi relativi ai lavori affidati alla ditta del consigliere comunale Tiziano Marisa e al fratello dell'assessore Giuliano Avi.
 
Il consigliere comunale Tiziano Marisa spiega la cronostoria dei lavori relativi all'ufficio ASUC dicendo che i lavori sono iniziati su richiesta del capofrazione di Baselga, in seguito l'ing. Sandro Broseghini quando ha preso in mano i lavori per conto del comune ha anche ricevuto i preventivi che erano stati fatti a sui tempo all'ASUC e li ha tenuti validi.
 
L'assessore Giuliano Avi spiega che il lavoro in questione sono i lavori della piazza della Madonna Nera la cui direzione lavoro e' stata affidati al fratello Ivano su esplicita richiesta del comitato ASUC di Tressilla in quanto il fratello era stato il progettista dell'opera (in un periodo precedente all'elezione quale consigliere comunale).
 
Il sindaco Ugo Grisenti fornisce ulteriori informazioni rispetto all'elenco precedente dicendo che alcune ditte hanno preso piu' lavori di altre ma per importi inferiori.
 
Il consigliere Claudio Rensi dice che non vuole parlare degli importi e delle imprese che hanno ricevuto i lavori, ribadisce quanto detto prima aggiungendo che allora potrebbe fare i lavori anche l'assessore ing. Andreatta.
 
L'assessore Michele Andreatta risponde che lui nell'ambito del comune non puo' fare progetti ne pubblici ne privati in quanto assessore in carica all'interno del comune e che questo e' previsto e normato.
 
Le altre interrogazioni verranno trattate nel prossimo consiglio comunale.
 
Il Sindaco Ugo Grisenti illustra il punto successivo, la variazione della frequenza e della durata del mercato di servizio di Baselga di Pine'. Modifica della "Disciplina generale del commercio su aree pubbliche e regolamento dei mercati comunali". Di questo se ne era gia' parlato nei consigli comunali precedenti, le due associazioni di categoria degli ambulanti hanno chiesto di poter fare il mercato tutti i venerdi estivi. Il direttivo della CoPine' ha espresso parere favorevole cosi come alcuni degli operatori alberghieri. E' stato fatto un incontro pubblico degli operatori di coro Roma per affrontare l'argomento. In quella serata ci sono stati pareri favorevoli e pareri negativi. Chiede pertanto il parere dei consiglieri comunali.
 
Il consigliere Ambrogio Dalsant dice che non si era sbilanciato in precedenza. Sembra che la maggiorparte della popolazione della zona non sia d'accordo e pertanto non e' d'accordo.
 
Il consigliere Rinaldo Anesin dice che quando era uscita l'idea gli sembrava una buona idea, poi ha approfondito pro e contro. Per quanto riguarda i negozianti alcuni sono favorevoli e altri vedono il mercato come una forma di concorrenza e sono perplessi come Oss Emer, Viliotti, Vecchia Segheria e Tomasi. Ha quindi analizzato i problemi degli abitanti della zona e complessivamente pertanto non e' favorevole.
 
Il consigliere Claudio Rensi dice che il mercato rappresenta una attrativa per la gente e per il turista. Quando c'e' il mercato difficilmente la gente va nei negozi. Chiede pertanto di spostare il mercato lungo il lago.
 
Il consigliere Andrea Dalcomo si dice invece favorevole anche perche' quest'estate causa lavori in via C. Battisti il numero di mercati e' pressoche' uguale a quello degli scorsi anni.
 
Il consigliere comunale Rinaldo Anesin dice che uno degli aspetti negativi per l'attivita' artigianale presente in corso Roma e' che il venerdi mattina unito al mercoledi pomeriggio di chiusura al traffico sono 1 giorno su 5 di lavoro.
 
L'assessore Sandro Zenoniani si dice favorevole e si dice anche dispiaciuto che alcuni abbiano cambiato idea all'ultimo minuto visto che negli incontri e le discussioni fatte in precedenza quasi tutti erano favorevoli.
 
Il consigliere Tiziano Marisa e' favorevole e dice che anche lui ha gli stessi problemi quando ci sono i mercatini invernali a Miola ma nonostante questo rimane favorevole.
 
Il consigliere Sandro Valentini risponde all'assessore Sandro Zenoniani dicendo che i consiglieri comunali hanno poi parlato con la gente e per questo si asterra'.
 
Il consigliere Ambrogio Dalsant dice che prima non si era sbilanciato poi ha cambiato idea in quanto sembra che la gente sia contraria.
 
Il consigliere Rinaldo Anesin diche che se il mercato fosse circoscritto come zona non ci sarebbero problemi. Ma non vede alternative al centro del paese perche' tutti i mercati sono in centro. Chiede se si puo' traslare il mercato verso il Colibri cosi da lasciare libero l'ingresso all'azienda artigiana presente in corso Roma. Chiede quante sono le piazzole presenti.
 
Il Sindaco Ugo Grisenti dice che la maggiorparte degli operatori e' favorevole e che vi sono riscontri positivi anche dai turisti e dai nostri concittadini. Per spostarle occorrerebbe occupare tutta la via Piana ma questo limiterebbe il flusso veicolare nel centro di Baselga. Le piazzole presenti sono 32 e sono tutte prenotate, si e' anche fatto in modo di lasciare liberi i negozi e le attivita' presenti. Alcuni artigiani non della zona hanno valutato la possibilita' di farsi pubblicita' con il mercato. Anche gli operatori di Bedollo stanno spingendo per venire a Baselga.
 
Il vicesindaco Walter Gottardi dice che l'ordine del giorno e' quello di portare il mercato da quindicinale a settimanale, ricorda che tutti condividevano che corso Roma e' da rivitalizzare e molti erano favorevoli quando si e' spostato dalla precedente posizione a corso Roma.
 
L'assessore Giuliano Avi dice che e' facile vedere quello che non va ed e' difficile vedere le opportunita'. Se c'e' il mercato a Baselga di evita di andare a Pergine e chi va a Baselga acquistera' il pane e il latte a Baselga.
 
Il consigliere Andrea Nardon e' favorevole al mercato e dice che siamo qui per prendere delle decisioni e ce ne assumiamo le responsabilita' delle nostre decisioni. Racconta quindi di quando trovava sulla corriera un anziano sacerdote di Pine' che ogni giovedi andava a Trento al mercato per dire che sono molti i nostri concittadini che sono favorevoli al mercato. Non riesce a capire come si fa a parlare di concorrenza visto che la merce presente e' differente da quella presente nei negozi.
 
Il presidente Alfonso Giovannini dice che il mercato serve per dare visibilita' al centro.
 
Il punto viene votato con 11 voti favorevoli e 8 astenuti (Sandro Valentini, Claudio Rensi, Costantino Bortolotti, Ambrogio Dalsant, Michela Avi, Mirko Giovannini, Rinaldo Anesin, Massimo Sighel)
 
Il successivo punto viene illustrato dall'assessore Walter Gottardi e riguarda l'area C2A prospicente a previsione di opera pubblica: accettazione cessione a titolo gratuito parte delle pp.ff. 1313, 1314 e 1318 (neo formate pp.ff. 1313/2, 1314/2 e 1318/2) C.C. Baselga di Pine' I .
 
Il consigliere Sandro Valentini dice di stare attenti alle deroghe sulle distanze dalle strade.
 
L'assessore Walter Gottardi dice che le distanze vengono misurate dal ciglio strada esistente.
 
Il punto viene approvato all'unanimita' 19 voti favorevoli.

Il sindaco Ugo Grisenti illustra il punto successivo: accettazione a titolo gratuito dalla P.A.T. della p.ed. 865 C.C. Baselga di Pine' I (Cappella del Crocefisso in localita' Serraia).

Il punto viene approvato all'unanimita' 19 voti favorevoli.
 
Viene illustrato anche il punto successivo relativo all'accettazione a titolo gratuito delle neo formate pp.ff. 2902/2 e 5774/3 C.C. Baselga di Pine' I (loc. Rosati): si tratta di aree prima dell'incrocio di Sternigo al lago di 312 mq e 71 mq e verranno realizzati 8-10 posti auto.
 
Il punto viene approvato all'unanimita' 19 voti favorevoli.
 
Con 17 voti favorevoli (unanimita' dei presenti - sono usciti dall'aula i consiglieri Claudio Rensi e Sandro Valentini) vengono approvati il nuovo regolamento del Corpo dei Vigili del Fuoco Volontari di Baselga di Pine', il regolamento degli Allievi e il regolamento contabile del Corpo dei Vigili del Fuoco Volontari di Baselga di Pine'

Il Sindaco Ugo Grisenti da quindi alcune comunicazioni: e' stato sottoscritto un protocollo per le Universiadi, per la manutenzione delle strutture sportive verranno dati 1200 mila euro da parte della PAT. Ci saranno circa 400 atleti in quei dieci giorni di gare. Nei prossimi giorni si procedera' all'asfalto di via C. Battisti per consentire in tanto la discesa verso Trento e fra una settimana dovrebbero completarsi i lavori. Molte sono poi le iniziative che la Biblioteca Comunale fara' presso il museo albergo alla Corona. Ricorda che verranno presentati anche due libri, "Io Michele" di Luca Pancalli e "La Casta" di Mario Giordano. Sono stati fatti degli incontri per il posizionamento di un semaforo a Sternigo cosi da consentire l'immissione in provinciale in sicurezza. Dice quindi che ci saranno 40 giornalisti dell'ambito religioso per conoscere Pine' ed i suoi luoghi religiosi. Il 10 luglio sara' presente la nazionale paraolimpica di regby e il 12 luglio ci sara'  Oscar Depellegrin impegnato in un dibattito sport e disabilita'.

Il presidente del Consiglio Comunale Alfonso Giovannini chiude la seduta alle 22e30.
 
Questo il resoconto non ufficiale della seduta del Consiglio Comunale di Baselga di Pine' del 28 giugno 2013. Si ricorda che per la lunghezza degli interventi e la complessita' degli argomenti in discussione risulta difficile riportare dettagliatamente ogni intervento, sostituito pertanto da un breve riassunto. Invito i Consiglieri Comunali e/o il pubblico presente in aula a riportare nei commenti eventuali precisazioni o aggiunte, grazie.


Post inserito da Andrea Nardon - Insieme per Pine'

Commenta queste righe...



mi ti e el toni 31/07/2013 - 11:09:
beh era uno spiraglio di trasparenza e democrazia ma noto che il blog non viene pi¨ aggiornato e il profilo FB cancellato. "pausa" estiva o chiusura definitiva?

Andrea Nardon WebSite Email 02/08/2013 - 09:33:
Nessuna delle due... in realtÓ gli ultimi aggiornamenti sono stati inseriti solo nella pagina Facebook e non nel sito in quanto si richiedeva rapidita' di diffusione e il social network Facebook era il mezzo piu' consono.
Dopo aver visto il messaggio mi sono accorto che il link alla homepage alla pagina facebook riportava il vecchio indirizzo del gruppo Facebook (cancellato definitivamente in luglio di quest'anno dopo aver avvisato tutti i componenti - tre messaggi da marzo a luglio - che l'attivita' e' stata trasferita alla nuova pagina Facebook).
La pagina Facebook di Insieme per Pine' e' raggiungibile dal marzo 2013 al seguente indirizzo: http://www.facebook.com/insiemeperpine
E' stata creata una pagina al posto del gruppo in quanto le pagine offrono una migliore gestione delle informazioni, la possibilita' di gestirla con diversi account (che tradotto vuol dire che diverse persone possono pubblicare con il nome "InsiemeperPine") e un'altra serie di funzioni tecniche che consentono di "legarla" meglio al sito web.



Convocazione Consiglio Comunale Baselga di Pine per il 28 giugno 2013 - AMMINISTRAZIONE    venerdý 21/06/2013    PERMALINK

Il Consiglio Comunale di Baselga di Pine' e' convocato per il giorno 28 giugno 2013 ad ore 20.00 presso la Sala Consiliare della Sede Municipale e verranno trattati i seguenti argomenti:



Post inserito da Andrea Nardon - Insieme per Pine'

Commenta queste righe...



Incontro con i consiglieri di Insieme per Pine' e il Sindaco - giugno 2013 - INCONTRI    mercoledý 29/05/2013    PERMALINK

Lunedi' 3 giugno alle ore 20.30 presso la sala pubblica di Baselga (vicino al bar Alpino) incontro pubblico con i consiglieri della lista Insieme per PinŔ ed il Sindaco.

Fra gli argomenti anche la situazione dei lavori pubblici.

 
Tutti sono invitati.
 
 


Post inserito da Sandro Zenoniani - Insieme per Pine'

Commenta queste righe...



Fare il bilancio negli anni della crisi - articolo su Pine - INFORMAZIONI    giovedý 23/05/2013    PERMALINK

Anche il 2013 si prospetta come un anno di crisi, cosi' come i precedenti a partire dal 2008, e tutti abbiamo gia' capito che non sara' facile uscire da questa situazione che sta lentamente erodendo le nostre ricchezze, ma soprattutto sta logorando e mettendo a dura prova la struttura stessa della societa', la sua tenuta e la sua coesione. Nei decenni passati ci eravamo abituati bene, con cicli di crescita continua, con un progresso che sembrava non dover finire mai, accompagnato da un modello di vita e di consumo al di sopra delle nostre possibilitu'u'. Il risveglio dalle illusioni e' stato brusco, e ci costringe ora a cambiare il nostro stile di vita e il modo stesso di guardare il mondo e le persone, ci obbliga a ridefinire le priorita', a scegliere tra le cose veramente importanti e quelle superflue, quelle legate ai falsi bisogni consumistici. Piu'  he pensare a tirare la cinghia per un po' tornando poi allegri e spensierati come prima, forse ci e' chiesto stavolta di reimpostare la nostra scala di valori, modificando mentalitu'u' e quindi comportamenti. E' uno sforzo di conversione culturale quello che dobbiamo affrontare, cosu' da abituarci al mutato contesto attrezzandoci per fronteggiare nuove sfide. Se non tutto il male vien per nuocere, la crisi ci portera' alla sobrieta', alla ridefinizione dei valori della vita, riscoprendo nuovi principi sui quali fondare il nostro agire, come per esempio:

ADATTAMENTO AL NUOVO CONTESTO.

Possiamo provare a trasformare questa difficile situazione in un'occasione di crescita, di eliminazione del superfluo e del banale, per puntare a cio' che piu' conta all'interno della nostra comunitu'u', riscoprendo i valori che la tengono unita e superando le logiche legate all'egoismo, agli interessi personali e allo sfruttamento indiscriminato del territorio.

SOBRIETA'.

E' saper vivere con misura, fare il passo secondo la gamba, rinunciare a cio' che in fin dei conti e' soltanto un sovrappiu'. E' tornare all'essenzialita', riuscire a dare il giusto valore alle cose, superare l'invidia nei confronti dei vicini e la rincorsa al possesso.

CITTADINANZA ATTIVA

E' finito il tempo di chiedere contributi e prebende allo Stato, alla Provincia, alla famiglia, alla societa'. Abbiamo visto cosa ci ha portato tale mentalita' assistenzialista, in un'immobilita' di totale deresponsabilizzazione personale e comunitaria e in una lamentazione continua, perche' piu' si riceve e piu' si vorrebbe. Adesso e' il momento di rimboccarsi le maniche, di chiedersi cosa possiamo fare noi, come possiamo essere utili allo Stato, alla societa', agli altri, per il mantenimento di un benessere che non potra' piu' essere affidato, per forza di cose, all'ente pubblico. Cominciamo a cambiare noi stessi, visto che e' l'unica rivoluzione che funziona, senza pretendere comodamente che siano solo gli altri a cambiare. Impegno e serieta'. Dopo stagioni di superficiale qualunquismo, che non e' solo quello becero di molti  politici, ma e' quello personale di ciascuno di noi quando non paghiamo le tasse, quando lasciamo la spazzatura in giro o le cacche dei cani per strada, non puliamo i marciapiedi dalla neve, o quando diamo la colpa di tutto agli stranieri, ora dobbiamo passare alla stagione dei doveri, individuali,  ollettivi, sociali, politici, aziendali, scolastici. L'individualismo sfrenato porta le persone a pretendere senza dare niente, crogiolandosi nelle proprie illusorie comodita', mentre il mondo intorno sta franando. Una comunita' per crescere ha bisogno del senso civico di ognuno dei suoi membri.

 
ESSENZIALITA'.

Sguardo attento e responsabile a come si spendono i soldi, a cominciare da quelli pubblici. E' tramontata l'epoca del consumare perche' tanto il portafoglio e' pieno. Lo spreco e' diventato un comportamento iniquo, insostenibile, antisociale e soprattutto dannoso per le nuove generazioni che devono poter godere dell'ambiente e dei beni al pari nostro. Il territorio e le sue ricchezze sono un bene collettivo da mantenere con cura, specialmente nei nostri fragili equilibri montani, non un mezzo di facile arricchimento per pochi.

RICONCILIAZIONE.

A volte la nostra comunita' sembra divisa, come l'Italia degli ultimi decenni, ora e' tempo di ricostruire assieme, di sostituire l'"essere contro" con l'"essere a favore", di mettere da parte divisioni ed egoismi di parte o di territori per far ripartire il nostro Paese. A volte si respirano troppi risentimenti e animosita'. Bisogna imparare ad andare oltre, a trovare cio' che accomuna rispetto a quanto divide. E questo vale nella nostra societa', nella vita di coppia, sui luoghi di lavoro, nel volontariato e nella politica. Bisogna anche imparare ad informarsi correttamente sui fatti, evitando semplificazioni e mistificazioni della realta', che non giovano al discorso pubblico all'interno della nostra comunita', bensi' creano acrimonia e incomprensioni.

RISPARMI DI BILANCIO.

Il bilancio della Provincia e quelli dei Comuni vedono una consistente riduzione delle risorse, sia per le manovre di risanamento dei conti imposte da Governo centrale, sia per effetto della contrazione delle entrate, sia per la riduzione progressiva dei crediti arretrati, che in Trentino impattera' pesantemente dal 2017. Le possibili strade di intervento sono due: o la razionalizzazione  delle spese o la ricerca di maggiori entrate, sotto forma di aumento della tassazione. Questa seconda soluzione e' sicuramente da evitare. I cittadini devono sapere che i soldi a disposizione sono sempre meno e che la spesa corrente deve essere razionalizzata attraverso politiche di rigore, e questo vuol dire che, per ogni spesa, si dovra' sempre piu' chiedersi se sia veramente necessaria e utile per i nostri cittadini. La coperta e' sempre piu' corta, percio' quando si decide una spesa, si deve sapere che non se ne potra' fare un'altra. Per esempio, le spese per lo sgombero neve, per il rifacimento dell'illuminazione pubblica, per cambiare una caldaia, sono tutte spese lecite e importanti, ma fatte queste spese, non possiamo permettercene altre. Questa e' la politica di bilancio che abbiamo sempre seguito, ma che d'ora in poi dovra' diventare sempre piu' stringente e lungimirante, visti anche i paletti posti dal patto di stabilita'. In questi mesi organizzeremo le consuete presentazioni del bilancio nei vari paesi del nostro Comune. Vi invitiamo a partecipare a questi incontri, che potranno essere occasione di confronto sull'andamento dei lavori pubblici e di discussione sui principi sopra esposti.



Post inserito da Insieme per Pine'

Commenta queste righe...



Questa Ŕ la pagina 45 del Blog Insieme per Pine'