Consiglio Comunale del 2 aprile 2014 - AMMINISTRAZIONE    giovedì 03/04/2014    PERMALINK

In attesa dell'approvazione del verbale del Consiglio Comunale del 2 aprile 2014, si riporta una descrizione dei lavori svolti in aula. Per la lunghezza degli interventi risulta difficile descrivere dettagliatamente ogni intervento, sostituito pertanto da un breve riassunto. Invito i Consiglieri Comunali e/o il pubblico presente in aula a riportare nei commenti (e ad avvisare via email affinche' vengano subito visualizzati) eventuali precisazioni o aggiunte, grazie.

 
Poco dopo le 20 il Presidente del Consiglio Comunale Alfonso Giovannini coadiuvato dal segretario reggente Tatiana Lauriola, dichiara aperta la seduta.
E' assente giustificato Sandro Zenoniani
 
Il presidente del consiglio comunale Alfonsto Giovannini parla del malore avuto dall'assessore Zenoniani e fa un in bocca al lupo a nome dell'intero consiglio comunale.
Informa poi che sono stati raccolti e versati per Anna Laura 370euro a nome del Consiglio Comunale.
E' passato poi al 1 punto all'ordine del giorno ovvero il bilancio 2013 dei Vigili del Fuoco di Baselga di Pine'. A nome dell'intero consiglio ha ringraziato i vigili del fuoco.
 
Il punto e' stato votato con 19 voti favorevoli (unanimita').
 
L'assessore Michele Andreatta ha parlato del secondo punto all'ordine del giorno ovvero il Piano Regolatore Illuminazione Comunale (P.R.I.C.) e ha dato la parola all'ing. Massimo Brait che ha redatto il piano.
 
L'ing. Massimo Brait ha illustrato il piano dicendo che il lavoro e' stato un lavoro che rappresenta lo stato di fatto dell'illuminazione pubblica del comune di Baselga. Nel piano sono presenti: la  classificazione delle strade, l'analisi dell'inquinamento luminoso (non solo verso la volta celeste ma anche quando di tratta di illuminare aree non previste), l'analisi dell'efficenza energetica dei punti luce, analisi della sicurezza, il rilievo dei quadri elettrici (33 quadri principali), rilievo degli apparecchi luminosi (1620 impianti) e tutto quello che va migliorato. Vengono anche date indicazioni di carattere generale per le future progettazioni di sostituzione/implementazione degli impianti.
La potenza installata e' di 171KW ed il consumo stimato annuo e' di 469440 KWh
L'ingegnere ha poi terminato dicendo che con un intervento i cui costi sono stimati in 768mila si puo' risparmiare il 27.5%.
 
I consiglieri Anesin, Rensi e Dalcomo ringraziano per l'ampia esposizione.
 
Il consigliere Ambrogio Dalsant chiede quanto si potrebbe risparmiare in euro con quel 27%.
 
L'ing. Massimo Brait non sa quantificare ma dice che comunque non e' un investimento che rientrerebbe a breve. Approvando il piano il comune puo' pero' accedere ai contributi provinciali previsti.
il punto viene approvato con 19 voti favorevoli (unanimita').
 
Il sindaco Ugo Grisenti illustra il punto successivo, la variante al PRG per l'opera pubblica Biblioteca: parte dal discorso dell'assegnazione dei soldi dalla Comunita' di Valle ai comuni attraverso il FUT. Per la comunita' di Valle Alta Valsugana la somma era di 15 milioni di euro. I comuni di Baselga, Bedollo, Sover e Segonzano hanno deciso di realizzare la biblioteca sovracomunale con un finanziamento di 2,5 milioni di euro. Nelle opere previste dal FUT vi sono le caserme per i Vigili del Fuoco, al secondo posto le biblioteche.
Il sindaco ha quindi illustrato tutto l'iter: il progetto preliminare per ottenere il finanziamento, la relizzazione del progetto preliminare da parte dell'arch. Panni su terreni di disponibilita' comunale, l'acquisizione di altri terreni spostando i fondi da opere pattizie che non si potevano realizzare (campo arcieri e realizzazione soladio colonia di Rizzolaga).
Ha spiegato che nell'area nella curva della strada che dal capitello della serraia porta al Lido era previsto l'ampiamento del parcheggio, lo spostamento a monte della strada e la realizzazione di una nuova viabilita' di accesso al parcheggio. Verificando in seguito l'area dove era prevista la biblioteca e' emerso che una buona quota dell'investimento veniva destinato allo sbancamento e alla realizzazione di una nuova viabilita' di accesso al parcheggio e alle case presenti e all'area edificabile. Con l'esperta dott.sa Agnoli si sono cercate altre soluzioni ed e' emersa la soluzione che viene oggi illustrata di costruzione della biblioteca nei terreni di proprieta' comunale situati sulla prima curva della strada che porta al Lido. In ambedue le scelte (nei pressi del Centro Congressi o alla curva) si deve comunque modificare il PRG. Il Sindaco ha quindi detto che parlando con la dott.sa Agnoli lei si u' dichiarata favorevole a questa soluzione. Se ne e' parlato poi con la dott.sa Turella (dirigente provinciale servizio), la dott.sa Dallavalle (coordinatrice delle biblioteche trentine), con la dott.sa Patrizia Martello (esperta in biblioteche) e con il geologo Vigna per le verifiche del caso e con l'ing. Losi della tutela della comunita' di Valle. Tutti questi si sono orientati per la soluzione nei pressi della curva. La prima soluzione poteva vedere come aspetto positivo la futura integrazione con il centro congressi, ma i costi dello sbancamento erano elevati e se comunque si edificava partendo dal terreno esistente che u' situato a 4 metri sopra il livello della strada, non si avevano comuqne le altezze previste per l'eventuale collegamento con il centro congressi. Facendola come speigato questa sera non si distruggono alcune opere pubbliche gia' realizzate (parcheggio, strada di acesso a case e parcheggio) e pertanto non si riducono neanche i parcheggi. Il sindaco conclude dicendo che a parte il consigliere Anesin, della minoranza non era presente nessuno alla serata di presentazione al  centro congressi.
 
L'assessore Luisa Dallafior parla quindi del nuovo concetto di Biblioteca partendo dalla richiesta/esigenza della popolazione di avere spazio piu' ampi rispetto alla sede attuale. Dice che o si chiude la Bilbioteca o e' giunta l'ora di riorganizzarla. Se ne era parlato gia' nella meta' degli anni 90 senza pero' riuscire a realizzarla, ora forse e' giunto il tempo di farla. Ricorda che anche i poliambulatori hanno bisgono di spazio e con la realizzazione dell'opera si liberano spazi da dedicare ai poliambulatori.
Ricorda che la biblioteca non e' il prestito dei libri: in molte biblioteche ormai ci sono macchinette apposite per effettuare questo in maniera automatica. La biblioteca e' una piazza del sapere in ambito locale con tutte le forme e gli strumenti disponibili. Un luogo di documentazione e memoria del luogo e di presentazione del territorio.
 
Il vicesindaco Walter Gottardi illustra l'opera con alcune slide. Spiega che l'area dove si vuole costruire la biblioteca e' un'area prevista per parcheggio e per lo spostaento della strada. La variazione del PRG cambia la destinazione d'uso dell'area.
 
Il consigliere Claudio Rensi dice che trova l'attuale biblioteca completa e fornita. Dice che quando fu presentato il progetto preliminare votarono a favore con qualche perplessita'. Dice che la prima ipotesi prevedeva l'armonizzazione con il centro congressi. Ora dice che non sono d'accordo quanto previsto in quanto l'area va salvaguardata da interventi di qualsiasi natura. Cita l'assessore della comunita' di Valle Anita Briani che diceva di recuperare gli edifici esistenti. Dice che mancano anche delle analisi di costi di gestione. Votano contro.
 
Il consigliere Rinaldo Anesin dice la biblioteca dovrebbe essere un luogo di democrazia, ma che democrazia c'e' se la PAT da ai comuni i finanziamenti vincolandoli a determinate opere? Dice poi di non ci si puu' fidarsi sempre di chi scrive libri, anche Adolf Hitler ha scritto un libro.Dice quindi che in biblioteca ora ci sono stranieri ed i nuovi poveri che leggono il giornale senza bere un bicchiere di vino o un caffe' come facevano in precedenza.Ai tempi dell'agora' greca non c'era l'auto e non c'era la TV. L'unico giudice sara' il tempo.Dice poi che la cultura e' ricchezza, ma si investe sulla cultura dei ragazzi e le menti migliori vanno all'estero. Ha cercato di vedere come potrebbe essere la costruzione nell'area prevista. Dice che sara' una cattedrale nel deserto e verra' rovinato un angolo di paradiso. Comunque ai posteri la sentenza.
 
Il consigliere Sandro Valentini dice che l'altra volta aveva votato a favore perche' gli sembrava che assieme al centro congressi fosse buona, ora invece non e' d'accordo e votera' contrario.
 
Il consigliere Ambrogio Dalsant dice che vede sbagliato che siano imposte al comune le opere. Non capisce perche' si debba costruire un nuovo edificio. Pensa poi che la struttura sia un po' fuori luogo, non collegata al paese.
 
Il consigliere Andrea Dalcomo esprime un giudizio negativo e votera' anche lui contro.
 
Il consigliere Andrea Nardon in risposta a quanto detto dai colleghi in aula e da quanto ha sentito in questi giorni parlando con alcune persone critiche ha esordito dicendo che e' facile mettersi nei panni dell'ambientalista solo in alcune occasioni. Questa sera, cosi' come negli altri consigli comunali di questa legislatura, e' venuto a piedi, i colleghi consiglieri che abitano piu' o meno alla stessa distanza hanno fatto lo stesso? 
Certo l'edificio e' una nuova costruzione e produrra' per forza di cose un impatto ambientale, ma anche vero che molte delle cose che facciamo producono un impatto ambientale. Anche in questo momento stiamo creando un impatto ambientale abbiamo le luci accese, e' acceso l'impianto microfonico e di registrazione: dobbiamo quindi rinunciare al consiglio comunale perche' si crea un impatto ambientale? No, perche' non serve solo a creare un impatto ambientale, ma e' il luogo dove vengono prese le decisioni per il futuro della nostra comunita', Possiamo comunque cercare di ridurre al minimo l'impatto ambientale: questo consiglio comunale lo ha fatto ad esempio inviando i verbali dei consigli precedenti ed altre comunicazioni in formato elettronico e non piu' cartaceo.
Qualcuno ha detto che si potrebbe fare l'opera in altri terreni. Anche io vorrei poter costruire casa in quel bel terreno soleggiato, ma non posso in quanto non e' di mia proprieta'. Certo il comune puo' espropriare i terreni ma sappiamo bene quali sono i tempi degli espropri. Anche l'Antica Pieve dell'Assunta crea un impatto visivo con il suo campanile rispetto alle abitazioni circostanti, ma nello stesso tempo identifica anche la nostra comunita'. Se viene mostra una foto di alcune case di Baselga magari non riusciamo ad identificare il nostro paese, se invece guardiamo una foto del campanile identifichiamo subito la nostra comunita'.
Un attimo fa ho detto che ho raggiunto la sede comunale a piedi, ma se devo raggiungere la citta' di Trento uso sicuramente l'automobile. Non dico pertanto no alle automobili perchu' inquinano, ma cerco di valutare i pro e i contro. Per la valutazione di questo punto all'ordine del giorno si deve tenere presente dell'impatto ambientale, della disponibilita' di terreni da parte dell'amministrazione comunale, e per ultimo ma a mio giudizio molto importante si deve tenere conto dell'impatto sociale e culturale dell'opera.
E' stato detto che vi sono costi elevati nel costruirlo a fianco al centro congressi.
La soluzione prospettata e' l'unica che alla data del 2 aprile 2014 ci consente di realizzare l'azienda di promozione e valorizzazione della cultura (questo dovrebbe essere il nome da usare al posto di biblioteca) cosi' come e' stato illustrato nella serata al centro congressi e nella riunione dei capogruppo di questo lunedi'.
A tal proposito vorrei dire he nella riunione di lunedi' non ho visto ne il collega Rensi ne un altro consigliere del suo gruppo. Io ero presente in sostituzione di Sandro Zenoniani anche se erano gia noti i punti all'ordine del giorno visto che ci siamo trovati come maggioranza qualche giorno prima ma per rispetto dei colleghi come Insieme per Pine' c'eravamo e se non c'ero io, ci sarebbe andato Giorgio o Michela.
Anesin e Valentini erano presenti. Di certo le mie idee politiche (sono stato votato da poco  segretario del circolo locale del Partito Democratico) sono diverse da quelle dell'esponente della Lega Anesin ma lo apprezzo perche' ha trovato il tempo di venire anche alla riunione al centro congressi.
Ritornando alla discussione in oggetto vorrei concludere dicendo che le scelte che possiamo fare questa sera sono due, o decidiamo di rinunciare all'opera oppure facciamo in modo che questa venga realizzata. Sempre in questi giorni ho sentito dire che la biblioteca viene usata solo dagli studenti. Non e' vero ma diamo comunque per vera in modo parziale questa affermazione.
Io non voglio che i nostri figli (concedetemi l'uso del termine nostri anche se io non ho figli) rinuncino alla azienda di promozione e valorizzazione della cultura. Piu' volte in questo consiglio comunale ho sentito il consigliere Valentini dire che non possiamo fare andare la nostra gente a Pergine, che stiamo diventando una periferia di Pergine... davvero allora vogliamo costringere i nostri figli ad andare a Pergine per avere i servizi che questa struttura potrebbe offrire? Io non voglio trasformare Pine' in un dormitorio, nella periferia di Pergine, non possiamo rinunciare ai servizi per i nostri figli.
 
Il consigliere Rinaldo Anesin dice che in bibblioteca di vanno poche persone ed invita il collega Nardon a fotografare una biblioteca piena e a portargliela.
 
L'assessore Luisa Dallafior dice che non ha mai detto che la biblioteca non funziona, ma che ci sono spazi ridotti e non volere la biblioteca e' perche' fa comodo tenere ignorante la gente.
 
L'asssessore Bruno Grisenti dice che i terreni acquisiti sono patrimonio a disposizione dell'amministrazione e che il preliminare e' servito proprio per fermarsi prima della realizzazione dell'opera e farlo in un altro luogo.
 
Il Sindaco Ugo Grisenti pone l'accento sull'informazione dicendo che spesso dalle affermazioni fatte in aula capisce che i consiglieri non si informano. Dice che ha parlato di dodici punti oggettivi realativi alla scelta della nuova localizzazione della biblioteca ma non ha sentito confutarne nessuno di questi. Chiede poi se e' meglio costruire una biblioteca o un parcheggio e una nuova strada.
 
Il consigliere Ambrogio Dalsant risponde che per lui sarebbe meglio un parcheggio perchu' almeno potrebbero esserci delle zone verdi.
 
Il punto viene approvato con 12 voti favorevoli e 7 voti contrati (Valentini, Dalsant, Rensi, Bortolotti, Anesin, Sighel, Dalcolmo).
 
Il sindaco Ugo Grisenti informa che i tempi per la presentazione del bilancio sono spostati a fine maggio in quanto non sono ancora chiari i trasferimenti della Provincia.
 
Il consiglio comunale viene chiuso alle 23e05.
 
Questo il resoconto non ufficiale della seduta del Consiglio Comunale di Baselga di Pine' del 2 aprile 2014. Si ricorda che per la lunghezza degli interventi in discussione risulta difficile riportare dettagliatamente ogni intervento, sostituito pertanto da un breve riassunto. Invito i Consiglieri Comunali e/o il pubblico presente in aula a riportare nei commenti eventuali precisazioni o aggiunte, grazie


Post inserito da Andrea Nardon - Insieme per Pine'

Commenta queste righe...



Convocazione Consiglio Comunale - AMMINISTRAZIONE    giovedì 27/03/2014    PERMALINK

Il Consiglio Comunale di Baselga di Pine' e' convocato per il giorno mercoledi' 2 aprile 2014 ad ore 20.00 presso la Sala Consiliare della Sede Municipale e verranno trattati i seguenti argomenti:

  • Rendiconto gestione anno finanziario 2012 e variazione per assestamento avanzo di amministrazione applicato al Bilancio di previsione esercizio finanziario 2013 del Corpo dei Vigili del Fuoco Volontari del Comune di Baselga di Pine'
  • Approvazione del Piano Regolatore Illuminazione Comunale (P.R.I.C.) ai sensi del capo X del Piano provinciale di intervento per la prevenzione e la riduzione dell'inquinamento luminoso.
  • Variante al Piano Regolatore Generale. Variante per opera pubblica "Nuova biblioteca sovracomunale": adozione.
  • Comunicazioni del Sindaco: patto di stabilità .


Post inserito da Andrea Nardon - Insieme per Pine'

Commenta queste righe...



Consiglio Comunale del 17 marzo 2014 - AMMINISTRAZIONE    mercoledì 19/03/2014    PERMALINK

In attesa dell'approvazione del verbale del Consiglio Comunale del 17marzo 2014, si riporta una descrizione dei lavori svolti in aula. Per la lunghezza degli interventi risulta difficile descrivere dettagliatamente ogni intervento, sostituito pertanto da un breve riassunto. Invito i Consiglieri Comunali e/o il pubblico presente in aula a riportare nei commenti (e ad avvisare via email affinche' vengano subito visualizzati) eventuali precisazioni o aggiunte, grazie.

 
Poco dopo le 20 il Presidente del Consiglio Comunale Alfonso Giovannini coadiuvato dal segretario reggente Tatiana Lauriola, dichiara aperta la seduta.
Sono assenti giustificati Giorgio Mattivi, Sighel Massimo, Luisa Dallafior e Costantino Bortolotti.

L'assessore della Comunita' di Valle Anita Briani illustra il lavoro fatto per il Piano Territoriale di Comunita'. Dice che ha incontrato le 18 amministrazioni comunali, che e' stato istituito un tavolo di confronto e consultazione al quale sono stati invitati tutti i portatori di interesse. Sono 110 i soggetti rappresentativi del mondo economico/scociale, poi alle varie sedute sono 64 le persone che hanno partecipato assiduamente. Ha ricordato che il piano prevede l'impegno da parte dei comuni e da parte della comunita' alla collaborazione per la redazione del piano. Ogni comune si impegna a dare un referente tecnico e un referente politico.

L'assessore Bruno Grisenti interviene dicendo che come amministrazione comunale di Baselga sono state evidenziate peculiarita' ed esigenze della zona ma invita tutti i consiglieri a dare il proprio contributo.

Il consigliere comunale Claudio Rensi chiede delle delucidazioni sui rappresentanti dei comuni e della comunita': chiede quanto rimangono in carica.

L'assessore della Comunita' di Valle Anita Briani risponde che rimane in carica fino al completamento del piano e che al rinnovo dell'amministrazione comunale dovra' essere rinnovato. Per la comunita' visto il notevole lavoro da fare ed il lavoro di consulenza che la stessa comunita' offre verso i comuni sono previste della assunzioni di nuove persone.

Il consigliere Sandro Valentini dice che piani di questo tipo vengono fatti ogni tre giorni da parte di vari soggeti e cita la Cassa Rurale Pinetana. Chiede quindi di sapere quando il piano e' vincolante per il comune in quanto se vi e' un obbligo non gli va bene in quanto i territori sono troppo vincolati e decide tutto Pergine.

Il consigliere Rinaldo Anesin dice che non si e' detto nulla e che in tutto l'ambito dell'Alta Valsugana ci sono delle diversita' territoriali: Levico non e' Pine', Fornace ha interessi diversi dai nostri. Afferma quindi che con la scusa dei Biotopi e' stato autorizzato il degrado.Dice quindi che questa amministrazione comunale qualcosa ha fatto tipo il recupero del Doss di Miola, i lavori dopo il Lido. Non e' d'accordo sull'assunzione di altre persone da parte della Comunita' di Valle visto che in Trentino ci sono troppi dipendenti pubblici.


Il consigliere Ambrogio Dalsant dice che la gente e' stufa della troppa burocrazia e pertanto desidera un progetto con tanta semplificazione, velocita' e concretezza. Chiede quindi se per l'amministrazione comunale il piano e' a livello di indirizzo  o se e' vincolante.

L'assessore della Comunita' di Valle Anita Briani risponde dicendo che ha girato tutti e 18 i comuni e anche le riunioni sono state fatte nelle varie zone. Conoscendo il territorio ci si rende conto che e' molto diversificato. Qui abbiamo piste da sci, la citta', le zone industriali, l'agricoltura, il turismo, la minoranza linguistica. Di tutto questo si e' tenuto conto. La comunita' deve fare da regia. Il turista che viene a Calceranica va a visitare le Piramidi di Segonzano, va sulle piste ciclabili, prende i piccoli frutti di Pine' e il formaggio Vezzena. Non e' fermo in un solo luogo.
Il piano territoriale e' un piano di indirizzo, deciso dai comuni stessi, dai rappresentanti delle varie categorie che hanno partecipato al tavolo di lavoro. Quindi non e' deciso dalle amministrazioni ma da tutto il mondo dell'Alta Valsugana.

Il consigliere Sandro Valentini dice che poi Pergine fara' come ha sempre fatto la parte del padrone.

L'assessore Anita Briani risponde che ci sono 17 comuni che messi assieme sono la maggioranza rispetto a Pergine.

L'assessore Walter Gottardi dice che e' uno strumento utile. Il piano urbanistico provinciale viene superato dal piano territoriale di comunita'. Anche il nostro PRG non verra' piu' approvato dalla Provincia ma dalla Comunita' di Valle quindi piu' vicina al nostro territorio. Si decidera' quindi anche su tutte le opere sovracomunali evitando le opere doppie come e' successo in passato per lo Stadio del Ghiaccio.

Il Sindaco Ugo Grisenti dice che si nota una scarsa conoscenza dell'argomento. Tutti e 18 i sindaci hanno dato il loro contributo. Tutto quello che e' peculiare e importante per la nostra comunita' e' stato inserito. Si e' data molta importanza alla tutela dell'ambiente e al recupero dell'edificato esistente.

Il consigliere Rinaldo Anesin dice che le linee guida sono condivisibile e poi afferma che non e' mai stato invitato alle riunioni.

L'assessore Anita Briani risponde dicendo che sono stati invitati tutti i rappresentanti delle varie categorie e sono state fatte delle serate pubbliche. Dice quindi che spesso la gente non viene alle serate pubbliche e poi si lamenta. Domani alle 17.30 e' previsto un nuovo incontro.

Il Presidente del Consiglio Comunale Alfonso Giovannini ringrazia l'assessore Briani e dice che ha partecipato anche lui ad alcuni incontri.

Si passa quindi al punto successivo, l'approvazione del verbale del 31/01/2014: 14 favorevoli e 2 astenuti (Claudio Rensi, Ambrogio Dalsant)

L'assessore Walter Gottardi illustra il punto successivo, adeguamento del PRG per sentenza del TAR. L'area da itticola diventa agricola.

Il consigliere Rinaldo Anesin chiede se viene tolta la pescicoltura.

L'assessore Walter Gottadi risponde che l'attivita' rimane ma non potranno fare ampliamenti.

Votato all'unanimita' (16 consiglieri presenti)

L'assessore Bruno Grisenti illustra il punto sucessivo, ovvero la convenzione con la Comunita' di Valle per i lavori di ripristino ambientale. Quest'anno oltre ai comitati ASUC sono state coinvolte alcune associazioni sportive, aziende agricole e l'associazione cacciatori in quanto fruitrici del territorio e per capire quindi quali interventi effettuare.

Il Sindaco Ugo Grisenti dice che per questi lavori vedranno favorire le persone disoccupate con piu' di 50 anni d'eta. Verranno assunte 16 persone in stato di difficolta' economica. Sono 50 le persone iscritte nelle liste per questo tipo di attivita', tra Baselga e Bedollo ne verranno impiegate 25.

Il consigliere Sandro Valentini si trova d'accordo in quanto interessa i nostri cittadini.

Il consigliere Rinaldo Anesin anche si trova d'accorndo.

Il punto viene votato all'unanimita'.

Il Sindaco Ugo Grisenti illustra il punto successivo: quando negli anni 20 e' stata costruita la diga sono state sommerse alcune parti di proprieta' del comune. Questa sera si decide la sdemanializzazione di queste aree e successivamente in un altro consiglio si decidera' la permuta di queste aree con le aree sopra la quota del lago (zona sotto l'albergo due laghi).

Punto votato all'unanimita'.

Il Sindaco Ugo Grisenti comunica che sono partiti i lavori in corso Roma affidati alla ditta Giovannella che ha preso come previsto dal bando porfido locale di Albiano. A fine giugno, tempo permettendo, dovrebbero terminare i lavori e poi si vedra' se si riesce anche a sistemare subito il parco giochi o se verra' rimandato a dopo la stagione turistica.
Entro il 15 aprile dovrebbe venire spostato il capitello del Lago della Serraia e anche l'opera di realizzazione di un passaggio pedonale nell'angolo dell'edificio della pasticceria Serria che dovrebbe essere realizzata entro la fine di maggio.
Sono stati appaltati i lavori per il rifacimento della piazza di Montagnaga e il 24 verranno aperte le buste (149 aziende) per le offerte economiche per la palestra.
Verranno quindi effettuati i lavori per lo spostamento della strada dopo il Lido ed e' anche partita la gara per il parcheggio di Rizzolaga.
Infine verrano anche ultimati i lavori della spiaggia del Lago delle Piazze con l'acquisto di altre panchine e altri giochi/fitness.

Il consiglio comunale viene chiuso alle 22.157
 
Questo il resoconto non ufficiale della seduta del Consiglio Comunale di Baselga di Pine' del 17 marzo 2014. Si ricorda che per la lunghezza degli interventi in discussione risulta difficile riportare dettagliatamente ogni intervento, sostituito pertanto da un breve riassunto. Invito i Consiglieri Comunali e/o il pubblico presente in aula a riportare nei commenti eventuali precisazioni o aggiunte, grazie
 








Post inserito da Andrea Nardon - Insieme per Pine'

Commenta queste righe...



Convocazione Consiglio Comunale Baselga di Pine per il 17 marzo 2014 - AMMINISTRAZIONE    martedì 11/03/2014    PERMALINK

Il Consiglio Comunale di Baselga di Pine' e' convocato per il giorno 17 marzo 2014 ad ore 20.00 presso la Sala Consiliare della Sede Municipale e verranno trattati i seguenti argomenti:

  • Piano Territoriale di Comunita'. Illustrazione al Consiglio Comunale con l'intervento della dott.sa Anita Briani, Assessore all'Urbanistica della Comunita' di Valle.
  • Processo verbale sedute consiliari del 31/01/2014
  • Variante al PRG per aseguamento a sentenza del Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa di Trento: adozione
  • Convenzione con la Comunita' Alta Valsugana e Bersntol e i Comuni d'ambito aderenti per la realizzazione del progetto di recupero paessagistico ambientale del territorio rurale/forestale anno 2014
  • Sdemanializzazione particelle fondiare diverse ex strade comprese nell'area del Lago delle Piazze
  • Comunicazioni del Sindaco


Post inserito da Andrea Nardon - Insieme per Pine'

Commenta queste righe...



Questa è la pagina 53 del Blog Insieme per Pine'