Consiglio Comunale del 15 marzo 2013 - Blog Insieme per Pine'
Consiglio Comunale del 15 marzo 2013 16/03/2013    PERMALINK

In attesa dell'approvazione del verbale del Consiglio Comunale del 15 marzo 2013, si riporta una descrizione dei lavori svolti in aula. Per la lunghezza degli interventi e la complessita' degli argomenti in discussione risulta difficile descrivere dettagliatamente ogni intervento, sostituito pertanto da un breve riassunto. Invito i Consiglieri Comunali e/o il pubblico presente in aula a riportare nei commenti (e ad avvisare via email affinche' vengano subito visualizzati) eventuali precisazioni o aggiunte, grazie.

Qualche minuto dopo le 20 il Presidente del Consiglio Comunale Alfonso Giovannini coadiuvato dal segretario reggente del comune dott.sa Tatiana Lauriola, dichiara aperta la seduta.

Sono presenti 17 consiglieri comunali. Sono assenti giustificati i consiglieri comunali Sergio Anesi, Giuliano Avi e Walter Gottardi.
 
Il presidente del consiglio comunale Alfonso Giovannini invita il pattinatore Andrea Giovannini  a sedersi in mezzo all'aula consigliare.
L'assessore Sandro Zenoniani parla dei risultati ottenuti da parte del pattinatore Andrea Giovannini.
Il consigliere comunale Claudio Rensi legge una lettera del consigliere comunale Sergio Anesi (assente in quanto impegnato nella seduta della giunta coni) per ringraziare e salutare il pattinatore Andrea Giovannini.
Il consigliere Rinaldo Anesin si congratula a sua volta con Andrea Giovannini.
Segue la premiazione da parte del Sindaco Ugo Grisenti a nome dell'intera comunita' ed un rinfresco.
 

Aula consiliare di Baselga in occasione della premiazione di Andrea Giovannini


Momenti della premiazione di Andrea Giovannini


L'assessore Sandro Zenoniani parla dei successi di Andrea Giovannini


Momenti della premiazione di Andrea Giovannini


Momenti della premiazione di Andrea Giovannini


Momenti della premiazione di Andrea Giovannini


La targa donata ad Andrea Giovannini dall'amministrazione comunale


Un rinfresco ed un brindisi in occasione della premiazione di Andrea Giovannini

Al rientro in aula il consigliere Claudio Rensi legge la prima interrogazione relativa ai problemi di sgombero neve, dove viene chiesto:
- quante ditte ci sono
- come mai non si interviene celermente
- chi da il via alle pulizie/sgombero neve e se lo da l'assessore
 
Il Sindaco Ugo Grisenti legge la risposta dell'assessore Giuliano Avi dicendo che le ditte sono 7, nel caso evidenziato dall'interrogazione la neve era stata compattata dal continuo passaggio delle auto. Continua dicendo che e' consuetudine in uso da parecchi anni usare meno sale per evitare la corrosione dei manufatti ed usare un quantitativo maggiore di ghiaia. Vi e' un impegno diretto da parte dell'assessore, ma il coordinamento delle imprese e' del capocantiere. In passato era lasciato alle singole imprese la decisione di quando iniziare la pulizia,  causando cosi' disparita' tra le zone assegnate alle singole aziende. I mezzi in uso sono stati dotati di terminale GPS per il controllo dei chilometri percorsi. I dati vengono controllati dal dipendente comunale Ivano Dallapiccola. I dati raccolti sono molti e verranno analizzati a fine inverno. Lo scopo e' quello di pagare un servizio non piu' ad ore ma per gli effettivi chilometri di pulizia.
Il capocantiere da il via alle aziende incaricate della pulizia, l'assessore si confronta con il capocantiere.
Un altro incarico richiesto al cantiere comunale e' quello della pulizia dei marciapiedi assieme ad una persona gestita dalla cooperativa CASA nell'ambito dei lavori socialmente utili. La relazione continua dicendo che il ghiaino costa 4 volte: acquisto, spargimento, raccolta e smaltimento.
 
Il consigliere Claudio Rensi dice che non deve essere l'assessore ad occuparsene ma il capocantiere. Condivide che ci siano delle economie nella gestione ma ricorda che i cittadini pagano fin troppo.
 
Il consigliere Sandro Valentini dice che dopo l'interrogazione la situazione e' cambiata in meglio. Chiede inoltre quante persone hanno richiesto l'assicurazione del comune per i danni.
 
L'assessore Bruno Grisenti dopo una premessa ironica sulle origini delle aziende afferma che le aziende sono state individuate sul territorio e che pertanto sono utilizzatori del servizio in prima persona cosi' come i loro parenti e amici.
 
Il Sindaco Ugo Grisenti dice che le risorse diminuiscono di anno in anno, pertanto o si riducono i costi o occorrera' ridurre altri servizi. Ricorda che in una delle nevicate di questo inverno i vigili del fuoco volontari hanno aiutato 25 mezzi in difficolta' e ben 20 di questi non avevano gomme invernali o catene nel bagagliaio. Conclude dicendo che si stanno ottenendo dei risparmi di 20/25mila euro rispetto ad inverni simili ottimizzando la gestione.
 
Il consigliere Claudio Rensi da atto che il risparmio di 20/25mila euro sia importante, ma e' altrettanto importante per l'amministrazione dare il servizio migliore.
 
Il Sindaco Ugo Grisenti dice che questa stagione sono stati fatti fino ad ora settemila chilometri pari a circa 70 uscite dei mezzi. 
  
ll consigliere Claudio Rensi non legge la seconda interrogazione relativa al giro dei due laghi in quanto si dice rammaricato per la risposta e chiede se l'assessore abbia letto il progetto prima di dare la risposta all'interrograzione.
 
L'assessore Sandro Zenoniani dice che ha risposto alla domanda fatta nell'interrogazione ricordando il nuovo regolamento sull'erogazione dei contributi per l'organizzazione di eventi, regolamento approvato all'unanimita' da questo consiglio comunale.
 
ll consigliere Claudio Rensi chiedeva di mettere una manifestazione in periodi morti.
 
Il Sindaco Ugo Grisenti risponde che il comune non puo' promuovere una manifestazione senza un comitato organizzatore. Se Claudio Rensi con una associazione promuove un qualcosa avra' il suo appoggio. Ricorda quindi una serie di manifestazioni per le quali ha collaborato in prima persona assieme anche al consigliere comunale Massimo Sighel.
 
L'assessore Sandro Zenoniani da anche lui la sua disponibilita' nel caso il consigliere Claudio Rensi si proponga come organizzatore di un evento. Ricorda quindi che alla domanda fatta nell'interrogazione (se il comune ha mai promosso una manifestazione...) dicendo che nella risposta sono elencate le manifestazioni promosse dall'amministrazione comunale nei pressi del lago.
 
Il consigliere Massimo Sighel legge la terza interrogazione relativa a "lettera ASUC" e chiede come mai la lettera scritta dalle ASUC non sia stata recapitata ai consiglieri comunali e per quale motivo.
 
L'assessore Bruno Grisenti risponde che non si e' ritenuto di inviarla in quanto, visto che tra gli indirizzi di invio era gia' presente quello dei consiglieri comunali si e' pensato che fosse gia' stata inviata. L'amministrazione ha comunque messo agli atti del precedente consiglio comunale la lettera ed ha provveduto ad inoltrarla agli uffici provinciali competenti.
 
Il consigliere Massimo Sighel si dichiara non soddisfatto anche perche' aveva detto nell'ultimo consiglio che veniva spedita ai consiglieri comunali ma questo non e' stato fatto.
 
Il presidente del consiglio comunale Alfonso Giovannini ha detto che e' stata una sua mancanza.
 
Il Sindaco Ugo Grisenti vuole rassicurare che e' stato fatto qualche giorno dopo la ricezione della lettera delle ASUC un fax agli uffici competenti della VIA ed in seguito uno scritto rafforzativo affinche' il VIA prenda in considerazione le osservazioni delle ASUC. In data 28 febbraio e 1 marzo (date successive alla presentazione della interrogazione) gli uffici provinciali hanno confermato di aver preso in considerazione le osservazioni effettuate ed e' stato dato il via al loro recepimento.
 
Il consigliere Mirko Giovannini interviene dicendo che conosce molto bene il problema di San Mauro. Chiede ai presidenti ASUC che, prima di trovare altri lotti di scavazione sempre piu' vicini al centro abitato, si completi la strada del Castelet cos' da liberare le case dal traffico pesante. Conclude dicendo che il paese di San Mauro e' nato prima delle cave.
 
Il consigliere Sandro Valentini condivide quanto detto dal consigliere Mirko Giovannini dicendo che il paese e' stato dimenticato. Crede che competa al comune di fare da regia per risolvere il problema coinvolgendo ASUC e proprietari dei lotti. Ricorda poi che non c'e' una scuola o altre opere pubbliche realizzate con i ricavi fatti dalle ASUC ad esclusione della casa del popolo di Tressilla.
 
Il consigliere Massimo Sighel dice che non vi e' un obbligo da parte della ASUC di fare opere pubbliche e che e' un regalo fare opere pubbliche. Ricorda poi alcune opere realizzate dalle ASUC.
 
Vengono quindi approvati processi verbali sedute consigliari del 21/12/2013 e del 04/02/2013 (14 favorevoli e 3 astenuti - Giorgio Mattivi, Massimo Sighel, Ambrogio Dalsant).
 
Il Sindaco Ugo Grisenti dopo i ringraziamenti al delegato comunale all'interno di AMNU Diego Fedel, alla responsabile dell'ufficio anagrafe Maria Cristina Dallapiccola e al responsabile AMNU Franco Chini per il lavoro svolto lascia la parola a quest'ultimo per l'illustrazione del regolamento.
 
Il responsabile AMNU Franco Chini spiega i motivi che hanno fatto nascere il nuovo regolamento: mutamenti sociali, nuove normative e nuove esigenze della popolazione.
Il regolamento e' stato ampiamente illustrato e verificato in incontri effettuati in precedenza con la giunta, i capigruppo ed i consiglieri comunali, durante il consiglio comunale sono stati illustrati solo alcuni dei punti salienti dello stesso e le modifiche effettuate:
- possibilita' di portare le ceneri a casa
- possibilita' di collocare le ceneri all'interno di un tomba di un famigliare
- non e' piu' ammesso, su richiesta della Chiesa, il corteo funebre da casa verso la chiesa (rimane quello dalla chiesa verso il cimitero)
- regolamento il diritto di sepoltura (garantito ai residenti e in alcuni altri casi specifici)
- uniformati gli orari dei funerali (ore 14e30 invernale)
- servizi funebri gratuiti solo per gli indigenti garantendo il minimo decoro
- sanatoria per le tombe di famiglia: partiranno degli avvisi  ai quali seguiranno dei solleciti. L'intenzione e' di dare in concessione gratuita (ci saranno 50/60 euro di spese per le pratiche) agli interessati per 20 anni ed inseguito la concessione verra' rinnovata a pagamento
 
Il consigliere Claudio Rensi chiede quante urne possono essere messe nelle tombe dei famigliari, chi decide il luogo di dispersione delle ceneri e se e' possibile fare una lapide in ferro battuto.
 
Il responsabile AMNU Franco Chini spiega che possono essere messe le urne fino a capienza della tomba e che nessun comune decide il luogo di dispersione. L'utente con un atto sostitutivo dichiara dove vuole disperdere le ceneri e se il luogo rispetta determinate caratteristiche viene dato l'ok. La lapide in ferro battuto purche' sia decorosa e fatta in materiale non facilmente deperibile e' autorizzata.
 
Il consigliere Sandro Valentini chiede di quanto variano i costi per l'utente.
 
Il responsabile AMNU Franco Chini risponde dicendo che vi sara' un aumento in media di circa il 30%.
 
Il regolamento viene approvato all'unanimita' (17 voti).
 
Il presidente del consiglio comunale Alfonso Giovannini ringrazia Franco Chini e ricorda che il prossimo consiglio sara' giovedi' 28 marzo. 
 
Il consiglio comunale viene chiuso alle 23.37.
 
Questo il resoconto non ufficiale della seduta del Consiglio Comunale di Baselga di Pine' del 15 marzo 2013. Si ricorda che per la lunghezza degli interventi e la complessita' degli argomenti in discussione risulta difficile riportare dettagliatamente ogni intervento, sostituito pertanto da un breve riassunto. Invito i Consiglieri Comunali e/o il pubblico presente in aula a riportare nei commenti eventuali precisazioni o aggiunte, grazie.
 
 
 
 
 
 
 

Post inserito da Andrea Nardon - Insieme per Pine'


- Inserisci il tuo commento -

Nome:
Commento:
Codice antispam da copiare nella casella accanto prima dell'invio del messaggio:
Codice AntiSpam:    BFG56RTE9