Clientelismo - Blog Insieme per Pine'
Clientelismo 30/10/2013    PERMALINK

 
 
Il sistema delle cosidette 'clientele' ha un lontano ascendente in eta' romana, quando un 'cliens', cittadino in posizione sociale  svantaggiata, si trovava costretto a ricorrere alla protezione di un 'patronus' in cambio di svariati favori e di una condizione di sudditanza e dipendenza. Per l'antropologia si tratta di una condizione tipica di certe societa' non del tutto centralizzate, nelle quali alcuni gruppi o individui non hanno altro modo per accedere a risorse, benefici o privilegi. Nell'accezione moderna la pratica del clientelismo riguarda un sistema di favoritismi e di scambi fondato sull'assegnazione arbitraria di risorse, benefici e protezioni, che garantisce il reciproco interesse o il mutuo vantaggio tra chi fornisce i benefici e chi ne trae convenienza e tornaconto.  Le attuali democrazie occidentali non possono dichiararsi scevre da  questo malcostume, ed anche nella nostra Italia tale pratica e' stata sempre utilizzata, spesso unitamente al familismo e al nepotismo, o alla pratica della raccomandazione, in alcuni tempi e luoghi in modo particolarmente massiccio. E' ovvio che tali costumi stridono con ogni ideale democratico e meritocratico, che prevede invece il  riconoscimento  del merito, della competenza, della capacita' e dell'impegno. I guasti del clientelismo sono sotto gli occhi di tutti: spesso viene utilizzato per garantirsi facili consensi elettorali, ma nel lungo periodo crea una distorsione nel sistema democratico, una disparita' nei diritti e doveri assegnati ad ogni cittadino dalla Costituzione. Spesso i suoi effetti sono molto lontani dal bene collettivo e dall'interesse presente nella societa' civile. I costi sociali ed economici ricadono su tutti i cittadini, sotto forma di minori opportunita' d'iniziativa imprenditoriale per le persone non coinvolte, riduzione della concorrenza di mercato, avvio d'investimenti inefficienti, scarsa motivazione e senso d'ingiustizia all'interno delle organizzazioni. Un costo immediato per la collettivita' e' quello degli appalti gonfiati e della scarsa qualita' delle opere pubbliche. Percio' e' importante che ogni amministratore pubblico, a qualsiasi livello, impronti le sue azioni all'esclusivo interesse pubblico, garantendo parita'  di trattamento e di considerazione ad ogni richiesta e ad ogni istanza pervenuta, evitando le pratiche e il malcostume sopra accennati. L'azione amministrativa dei componenti di Insieme per Pine' improntata ad evitare qualsiasi forma di clientelismo, di facili privilegi e di tornaconto personale. E' una scelta di responsabilita', forse strana in quest'epoca di decadenza dei costumi, a volte difficile da perseguire e da far comprendere ai cittadini. Questo e' pero' per noi fare il bene e l'interesse collettivo della nostra comunita': operare secondo criteri d'imparzialita', uguaglianza e democrazia.

I consiglieri comunali del Gruppo Insieme per Pine'

Post inserito da Consiglieri comunali di Insieme per Pine'


- Inserisci il tuo commento -

Nome:
Commento:
Codice antispam da copiare nella casella accanto prima dell'invio del messaggio:
Codice AntiSpam:    BFG56RTE9