Insieme per Pine' - Baselga di Pine'
  HOME  |   CHI SIAMO  |   BLOG  |   NEWSLETTER  |   CONTATTI  |  INDICE |    423333 visite


Consiglio Comunale del 28 dicembre 2011 - Blog Insieme per Pine'
Consiglio Comunale del 28 dicembre 2011 29/12/2011

In attesa dell'approvazione del verbale del Consiglio Comunale del 28 dicembre 2011, si riporta una descrizione dei lavori svolti in aula. Per la lunghezza degli interventi e la complessita' degli argomenti in discussione risulta difficile descrivere dettagliatamente ogni intervento, sostituito pertanto da un breve riassunto. Invito i Consiglieri Comunali e/o il pubblico presente in aula a riportare nei commenti (e ad avvisare via email affinche' vengano subito visualizzati) eventuali precisazioni o aggiunte, grazie.

 

Alle 20.08 il Presidente del Consiglio Comunale Alfonso Giovannini coadiuvato dal segretario reggente del comune dott.sa Tatiana Lauriola, dichiara aperta la seduta.

Sono presenti 18 consiglieri e l'assessore Michele Andreatta. Sono assenti giustificati i consiglieri comunali Claudio Rensi e Rinaldo Anesin.
 
Il presidente del consiglio Alfonso Giovannini da la parola all'assessore allo sport Sandro Zenoniani il quale invita le atlete della Compagnia Arcieri Altopiano di Pine' Sabrina Franzoi e Eleonora Strobbe a sedersi in mezzo all'aula consiliare e giustifica l'assenza di Jessica Tomasi in quanto impegnata all'estero.
 
 
L'assessore Sandro Zenoniani illustra le imprese realizzate dagli atleti della Compagnia Arcieri Altopiano di Pine' che hanno conseguito 204 titoli italiani ai quali vanno ad aggiungersi i numerosi titoli europei e mondiali. Per questi risultati il consiglio comunale ha donato alle tre ragazze e alla societa' una targa quale riconoscimento della comunita' pinetana. L'assessore termina il suo intervento con la frase usata dall'allenatore: "In bocca al lupo tambroni".
 
 
 
Il Sindaco Ugo Grisenti si complimenta con le ragazze e gli atleti della compagnia arcieri e si impegna ad individuare un'area per il campo arcieri, societa' che in questi giorni e' doppiamente penalizzata, per i lavori che hanno ridotto il campo di tiro e per i problemi alla palestra delle scuole medie. Ricorda all'allenatore che occorre riportare una grossa manifestazione di Tiro con l'Arco sull'Altopiano di Pine'.
 
Il consigliere Sergio Anesi ringrazia il Sindaco per questo gradito omaggio allo Sport all'interno del consiglio comunale. Ringrazia quindi Aldo Maccarinelli per aver portato il tiro con l'arco sull'Altopiano di Pine' e porta anche il saluto dell'assessore provinciale Marta Dalmaso.
 
Alle 20e30 viene votata all'unanimita' una sospensione del consiglio comunale per poter brindare assieme agli atleti della Compagnia Arcieri Altopiano di Pine'.
 
 
 
 
Alle 20.45 viene ripresa la seduta del consiglio comunale e vengono approvati i verbali delle sedute consigliari:
 
  • verbale del 14/10/2011: 18 voti favorevoli
  • verbale del 28/10/2011: 17 voti favorevoli e 1 astenuto (consigliere Andrea Dalcolmo)
  • verbale del 25/10/2011: 18 voti favorevoli
  • verbale del 30/10/2011: 17 voti favorevoli e 1 astenuto (consigliere Tiziano Marisa)
 
L'assessore Sandro Zenoniani illustra il nuovo regolamento per la concessione di finanziamenti per lo sviluppo e la promozione dell'attivita' sportiva. Il precedente regolamento obbligava le societa' a presentare due bilanci, un bilancio preventivo ed un bilancio consuntivo e prevedeva come criteri solo il numero di iscritti ed i chilometri percorsi. Questo nuovo regolamento e' stato discusso in commissione e con le societa' sportive.
Vengono posti in evidenza alcuni punti del nuovo regolamento: 
Sono ammissibili a contributo le sole spese inerenti l'attivita' sportiva del richiedente. In particolare non sono ammissibili le seguenti spese:
  • l'imposta sul valore aggiunto (IVA), dichiarata detraibile dal richiedente;
  • spese per manifestazioni che hanno esclusivamente uno scopo di svago e divertimento;
  • spese per cene o feste sociali nonche' per regali e necrologi;
  • spese per l'acquisto di bevande e merci per allestire feste e simili nonche' premi per lotterie e simili;
  • spese per viaggi in Italia e/o all'estero non strettamente attinenti all'attivita' istituzionale del richiedente;
  • interessi passivi per fidi o mutui bancari;
  • ogni altra spesa di cui sia constatata la non inerenza agli scopi sociali del richiedente.

La domanda di contributo per la gestione ordinaria va presentata entro il 31 marzo di ogni anno. Per la determinazione del contributo, sono rilevanti:

  • Iscrizione alle Federazioni Sportive Nazionali affiliate al CONI, agli enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI o a Organizzazioni di riferimento;
  • la partecipazione delle singole associazioni sportive a campionati o manifestazioni a struttura similari;
  • numero di tesserati;
  • la consistenza dell'attivita' giovanile;
  • attivita' sportive con il coinvolgimento di associazioni sportive per diversamente abili;
  • attivita' in collaborazione con il Comune;
  • attivita' svolte con il coinvolgimento delle istituzioni scolastiche;
  • la gestione di impianti sportivi;
  • la multidisciplinarieta';
  • applicazione del regolamento Ecofeste per l'organizzazione di feste.

Le domande di contributi per lo svolgimento di manifestazioni sportive, vanno presentate  entro il 31 ottobre dell'anno precedente. Per la determinazione del contributo finanziario a sostegno di manifestazioni sportive sono rilevanti:

  • la ricaduta promozionale, sportiva, nonche' turistica a favore dell'immagine di Baselga di Pine' e delle sue localita';
  • l'inserimento nei calendari delle Federazioni ed Organizzazioni internazionali e nazionali;
  • la rilevanza territoriale (internazionale, nazionale);
  • la longevita' organizzativa;
  • la capacita' attrattiva della manifestazione nei confronti della popolazione;
  • il numero, la qualita' e la provenienza degli atleti partecipanti;
  • la partecipazione di atleti, anche locali;
  • la partecipazione di atleti collocati nelle fasce giovanili e di atleti disabili;
  • la promozione di discipline emergenti, innovative o di particolare interesse;
  • la capacita' di autofinanziamento, con apporti sia da parte di privati che di altri Enti pubblici;
  • la promozione dello sport non agonistico rivolto alla comunita' locale;
  • il coinvolgimento delle istituzioni scolastiche;

Le domande  di contributi  per l'acquisto, miglioramento e completamento di attrezzature sportive vanno presentate entro il 31 ottobre di ogni anno per l'esercizio successivo. Per la determinazione del contributo finanziario a sostegno dell'acquisto di attrezzature sportive sono rilevanti:

  • il loro, esclusivo o prevalente, utilizzo per finalita' sportive;
  • i dati anagrafici e l'attivita' svolta dall'Associazione richiedente;
  • il preventivo di spesa e relazione illustrativa;
  • la dichiarazione attestante la collocazione delle attrezzature e l'impegno formale a garantire il loro utilizzo anche da parte delle scuole cittadine e/o altre Associazioni sportive qualora le attrezzature siano collocate in impianti sportivi comunali o comunque di proprieta' pubblica.
Il consigliere Sergio Anesi ringrazia l'assessore Zenoniani per aver anticipato il regolamento ai capogruppo e ad alcuni consiglieri. Ritiene che questo regolamento sia una ammenda alla discussione che venne fatta in consiglio comunale quando venne approvato il precedente regolamento (nella scorsa legislatura). Concorda che e' meglio basarsi solo sul bilancio consuntivo. Chiede quindi se sono obbligatori tutti e' tre i requisiti riportati dall'articolo 3 (residenza nel comune, essere affiliati al CONI o simili, attivita' da almeno 12 mesi). Non condivide la data del 31 marzo, crede sia da fare prima in quanto il comune deve conoscere le cifre richieste dalle societa' per tenerne conto nel bilancio. Chiede come mai non sono ammissibili le spese per bevande e regali ed inoltre chiede se e' la commissione allo sport che fissera' i criteri e suggerisce che vengano ben definiti onde evitare discussioni successive da parte delle societa' sportive.
Invita poi a verificare il discorso della pubblicita' del comune (nel regolamento c'e' scritto che le societa' devono dire che la manifestazione viene fatta anche grazie a contributi comunali) in quanto sarebbe opportuna una verifica in anticipo di quali sono le manifestazioni che il comune intende o meno publicizzare. Chiede inoltre che venga fissato un tetto massimo onde evitare che societa' chiedano il contributo su spese molto elevate.
 
Il Sindaco Ugo Grisenti risponde indicando che sono necessari tutti e tre i requisiti (residenza nel comune, iscrizione al CONI, attivita' da oltre 12 mesi). La data del 31 marzo e' solo per la gestione ordinaria e pertanto si da un contributo sulle attivita' gia' svolte basandosi sul bilancio consuntivo delle societa'. Per quanto riguarda la pubblicita' sulle manifestazioni, le domande deveono essere fatte in anticipo (il 31 ottobre dell'anno precedente) cosi' che il comune puo' decidere se dare o non dare il patrocinio e l'eventuale contributo. Il Sindaco ricorda anche che ora i termini saranno fiscali e non si correra' piu' dietro alle associazioni perche' presentino il bilancio consunsitvo. Per quanto riguarda le bevande e alimenti che sono escluse dal contributo, questo deriva dal fatto che mentre i costi sono certi, non e' certo l'incasso, il ricavo ottenuto dalla vendita di bevande e alimenti. Per questo motivo e' stato escluso. I criteri veranno decisi dalla commissione sport. Per quanto riguarda la multidisciplinarita', il Sindaco auspica che piu' associazioni si unifichino. Infine per quanto riguarda il contributo per le ecofeste va inteso come contributo per coprire le spese in piu' necessarie alla realizzazione delle ecofeste (posate biodegradabili, costi per lavastoviglie, etc.)
 
L'assessore Sandro Zenoniani dice che per quanto riguarda i criteri questi sono gia' in parte stati definiti e che la commissione allo sport e le associazioni sportive stanno lavorando a questo.
 
Il consigliere Sergio Anesi invita a riferire alla commissione allo sport quanto detto in aula ed invita a dare criteri chiari che non diano in seguito adito a dubbi interpretativi.
 
Il presidente Alfonso Giovannini dice che ogni regolamento sara' da provare sul campo e quindi si vedranno in seguito le eventali modifiche da apportare.
 
Il regolamento viene approvato all'unanimita' (18 voti) e reso immediatamente esecutibile.
  
L'assessore Luisa Dallafior illustra il nuovo regolamento per la concessione di finanziamenti e benefici alle associazioni culturali e di volontariato.
Vengono illustrati gli articoli principali del regolamento:
Il Comune agevola e sostiene le attivita' che rivestono interesse pubblico, attraverso:
a) la concessione di strutture e spazi per lo svolgimento dell'attivita'
b) la concessione di contributi per:
  • attivita'  culturali, educative e di formazione
  • promozione sociale, formazione  e sviluppo del volontariato
  • educazione alla pace  e alla solidarieta' internazionale
  • educazione alla cittadinanza, alla legalita' e all'integrazione
  • valorizzazione dell'ambiente e della cultura locale
  • iniziative a favore delle pari opportunita' e per la parita' dei diritti

c)    l'acquisto , il miglioramento ed il completamento di beni ed attrezzature fisse e mobili.

Per la gesione ordinaria le domande vanno presentate entro il 31 marzo e riguradano il bilancio dell'anno precedente. Non sono ammissibili a finanziamento:
  • le domande non corredate della prescritta documentazione;
  • le spese per attivita' che non presentano un contenuto prevalentemente culturale o legato al mondo del volontariato;
  • le spese per lo svolgimento di iniziative autoriferite, cioe' rivolte esclusivamente o prevalentemente ad un ambito interno al soggetto proponente;
  • le spese per attivita' la cui impostazione scientifica, tematica o di metodo sia ritenuta carente nei requisiti minimi di rigore;
  • le spese per iniziative o interventi avviati o acquisti effettuati prima della presentazione della richiesta di contributo;
  • le spese palesemente eccessive rispetto ai prezzi correnti di mercato o manifestatamente non necessarie;
  • le spese per attivita' non realizzate nell'anno di riferimento;
  • le spese per la copertura di disavanzi di gestione delle attivita' di anni precedenti;
  • le spese per attivita' realizzate fuori dal territorio comunale, a meno che esse non rientrino in quelle promosse dal Comune con le citta' gemellate o in via di gemellaggio, oppure siano collegate a eventi di interesse comunale legati a fini di promozione del territorio, delle sue attivita'  e dei suoi prodotti
  • le spese presentate da societa' di capitali e da parte d'altri enti che per statuto svolgono attivita' commerciali o imprenditoriali a fini di lucro.
  • l'imposta sul valore aggiunto (IVA) dichiarata detraibile dal richiedente;
  • le spese per manifestazioni che hanno esclusivamente scopo di svago e divertimento;
  • le spese per cene o feste sociali nonche' per regali e necrologi;
  • le spese per l'acquisto di bevande e merci per allestire feste e simili, nonche i premi per lotterie e simili;
  • le spese per viaggi in Italia e/o all'estero non strettamente attinenti all'attivita' istituzionale del richiedente;
  • gli interessi passivi per fidi o mutui bancari;
  • ogni altra spesa di cui sia constatata la non inerenza agli scopi sociali del richiedente. 
Per la determinazione del contributo finanziario  sono rilevanti:
  • la sussistenza  o meno dell'interesse pubblico per le attivita' proposte;
  • la fattiva collaborazione con l'amministrazione comunale per la realizzazione di attivita' di interesse collettivo (esempio: assunzione di impegni come la cura di sentieri, fioriere, aiuole, la sorveglianza a mostre, la promozione e la pubblicita', la collaborazione per iniziative comuni)
  • la fattiva collaborazione  e la ricerca di sinergie con altri enti e associazioni presenti sul territorio
  • il coinvolgimento del mondo giovanile, attraverso specifiche iniziative
  • la capacita' di autofinanziamento e la diversificazione delle fonti di finanziamento
  • il grado di apporto del volontariato, purche' in possesso di specifiche competenze tecnico-professionali
  • il numero e la composizione degli associati e dell'utenza e l'obiettivo di ampliare, anche con programmi mirati, l'ambito di utenza acquisito e il numero di associati;
  • le attivita' in cui e' previsto il coinvolgimento di persone diversamente abili (categorie riconosciute nella L. 104/92)
  • il grado di innovazione delle proposte
  • le caratteristiche di impostazione dell'attivita', intesa come qualita', valore sociale, rigore nell'individuazione degli obiettivi e delle metodologie, dell'operativita' e degli strumenti di controllo della gestione
  • l'applicazione del Regolamento Ecofeste e l'utilizzo di materiali ecocompatibili, con attenzione al recupero, al riciclo e al corretto smaltimento, nell'organizzazione  delle manifestazioni.
  • la tradizione consolidata e/o il prestigio riconosciuto, anche in termini di utenza, del soggetto richiedente.
Per iniziative e manifestazioni non comprese nell'attivita' ordinaria la domanda deve pervenire entro il 31 ottobre dell'anno precedente. Per la determinazione del contributo finanziario a sostegno di  tali manifestazioni sono rilevanti:
  • la ricaduta promozionale, culturale, nonche' turistica a favore dell'immagine di Baselga di Pine' e delle sue localita';
  • la rilevanza territoriale (es. intercomunale, provinciale, nazionale);
  • la tradizione consolidata negli anni;
  • la capacita' attrattiva della manifestazione nei confronti della popolazione;
  • l'attenzione alla diversificazione dell'utenza potenziale, con interventi per favorire l'integrazione (es. fasce giovanili, disabilita', ecc)
  • il grado di innovazione della proposta 
  • la capacita' di autofinanziamento, con apporti sia da parte di privati che di altri Enti pubblici;
  • il coinvolgimento del Comune e/o delle istituzioni scolastiche;

Sono ammissibili solo le spese strettamente correlate all'allestimento e gestione della manifestazione. Non sono ammissibili le seguenti spese:

  • imposta sul valore aggiunto (IVA), dichiarata detraibile dal richiedente;
  • spese per manifestazioni che hanno esclusivamente uno scopo di svago e divertimento;
  • spese per cene o feste sociali nonche' per regali e necrologi;
  • spese per l'acquisto di bevande e merci per allestire feste e simili;
  • ogni altra spesa di cui sia constatata la non inerenza alla realizzazione della manifestazione finanziata.
  • le spese non documentabili (cancelleria, telefono, fax, posta etc.) sono ammesse nel limite massimo del 10% delle rimanenti voci di spesa.

Le domande di contributo per l'acquisto il miglioramento ed il completamento di beni e attrezzature vanno presentate entro il 31 ottobre di ogni anno per l'esercizio successivo. Non sono ammesse le seguenti spese:

  • l'imposta sul valore aggiunto (IVA), dichiarata detraibile dal richiedente;
  • attrezzature non inventariabili o comunque di importi inferiori ad Euro 50;
  • beni di consumo.

L'ammontare del contributo non puo' superare il 70% della spesa ritenuta ammissibile.

Il regolamento prevede anche l'istituzione dell'albo delle associazioni culturali e l'albo delle associazioni di volontariato  operanti sul    territorio comunale, a cui sono stati erogati contributi, sovvenzioni e benefici. L'elenco dei beneficiari dei contributi erogati dal Comune e' consultabile da ogni cittadino. 

Il consigliere comunale Sergio Anesi dice all'assessore Dallafior di non aver paura che anche questo regolamento non sara' l'ultimo. Ricorda quindi che la biblioteca ha fatto e continua a fare belle iniziative. Occorre pero' una rivoluzione culturare e quello che come amministrazione dobbiamo fare u' quello di delegare maggiormente alle associazioni culturali invitandole a proporre nuove iniziative culturali. Occorre spostare i finanziamenti dalla biblioteca alle associazioni culturali in modo che possano gestire e prendersi in carico delle manifestazioni.
 
L'assessore Luisa Dallafior concorda con quanto riferito dal consigliere Anesi e dice che mancano delle associazioni di carattere prevalentemente culturale.
 
Il Sindaco Ugo Grisenti concorda con l'assessore Dallafior e con il consigliere Anesi e dice che la data del 31 ottobre e' anche stata scelta proprio perche' in questo modo si possono valutare le iniziative previste dalle associazioni e se sono valide inserirle nel programma delle iniziative della biblioteca comunale.
Vanno valorizzate e premiate le nuove progettazioni. Ad esempio con le scuole si e' svolto un lavoro sul teatro, con la SAT un lavoro sulle tematiche ambientali e via dicendo. Occorre anche utilizzare l'albergo Corona e ricorda che sara' presto aperto un bookshop al piano terra dell'albero Corona in collaborazione con l'ApT dove si potranno acquistare i libri editi dal comune o di interesse turistico.
 
Il regolamento viene approvato all'unanimita' (18 voti).
 
 
Il successivo punto all'ordine del giorno e' la traslazione con permuta della p.f. 5664 (strada) con parte della p.ed. 379 e accettazione a titolo gratuito delle pp.ff 3362/5 e 3362/9.  Viene illustrato dal Sindaco Ugo Grisenti. Si tratta dell'area dietro il capitello in localita' Serraia. La concessione per la ristrutturazione dell'albergo Serraia prevedeva la cessione di metri quatri a favore del comune. La trattativa era partita nel 2001, nel 2004 veniva acettata la desmanializzazione del tratto di sentiero Serraia-Ricaldo e nel 2010 sono riprese le trattative con i proprietari dell'area si e' arrivati ad ottenere come comune la cessione delle aree dietro il capitello in localita' Serraia, alla traslazione del passaggio Serraia-Ricaldo e alla costruzione di un passaggio pedonale sottoportico nell'angolo fronte strada dell'albergo Serraia con servitu' di pubblico transito (quest'ultimo a fronte di un onere di 62mila euro, corrispondente al costo vivo dell'opera, che veranno scontati dagli oneri di concessione).
 
Il consigliere Ambrogio Dalsant trova positiva la soluzione del portico perche' l'area attualmente e' pericolosa per i pedoni.
 
Il consigliere Sergio Anesi chiede se sono previsti dei tempi per la realizzazione dell'opera del sottopasso e delle altre opere previste.
 
L'assessore Michele Andreatta dice che i proprietari dell'albergo premono per poter iniziare rapidamente i lavori e pertanto presume che verra' presto realizzata.
 
Il consigliere Sergio Anesi si dice favorevole e parla di una rivalutazione complessiva dell'area (ristrutturazione albergo Serraia, portico pedoale, lavori area capitello/giardini serraia). Invita ad insistere con la provincia per la copertura del tratto finale del lago dove era prevista una rotatoria.
 
Il sindaco Ugo Grisenti dice che e' negli atti l'accettazione da parte dei proprietari e che sta verificando con la provincia per la copertura/rotatoria.
 
Il punto viene approvato all'unanimita' (18 voti).
 
Il punto successivo all'ordine del giorno riguarda l'acquisizione di alcune pp.ff. per la realizzazione del 2 lotto delll'opera pubblica "Riqualificazione di Corso Roma". Viene illustrato dal Sindaco Ugo Grisenti. Si tratta dell'acquisizione di alcuni terreni fronte strada e dell'acquisizione della servitu' di passo per altri terreni per la realizzazione del marciapiede del tratto di Corso Roma dal Lago della Serraia alla gelateria Pinetana. Nel caso di acquisizione il costo stabilito e' di 200 euro a metro quadro, nel caso di servitu' di passo e' di 100 euro a metro quadro.
 
Il consigliere Sergio Anesi chiede se e' legittimo fare dei lavori pubblici sulle aree private (riferendosi alle aree dove viene acquisita la servitu' di passo).
 
Il Sindaco Ugo Grisenti dice che il costo del diritto di passo previsto e' di 200 euro al metro quadro e nel caso in oggetto vengono riconosciuti 100 euro in quanto i rimanenti 100 euro corrispondono al costo dell'opera (posa di cubetti o simili per la realizzazione del marciapiede)
 
Il segretario comunale Tatiana Lauriola dice che il diritto di passo e' permanente.
 
L'assessore Michele Andreatta ribadisce quanto detto dal Sindaco e che sono i proprietari (con i 100 euro a metro quadro) che pagano i lavori. La manutenzione ordinaria sara' a carico dei proprietari, mentre la manutenzione stradordinaria sara' a carico del comune. La servitu' di passo e' permanente e vale per tutta l'area. Eventuali riduzioni o opere che impediscano la servitu' di passo dovranno essere concordate con il comune.
 
Il consigliere Sandro Valentini dice e chiede che pertanto non dovranno esserci fioriere, merce esposta o simili.
 
L'assessore Michele Andreatta dice che con la servitu' di passo possono essere impedite tutte le esposizioni. Sara' poi il comune a concedere eventuali deroghe parziali a tale servitu'.
 
Il consigliere Andrea Dalcolmo chiede se in futuro potranno esserci dei problemi per eventuali lavori da compiersi sui tratti dove vigera' la servitu' di passo.
 
L'assessore Michele Andreatta dice che le opere di manutenzione straordinaria sono previste ed e' pertanto possibile eseguirle. Pertanto se fra quindici anni si dovra' rifare la pavimentazione, sara' possibile farlo.
 
Il consigliere Sergio Anesi chiede se nel sottosuolo si rompe un tubo, chi lo ripara. Chiede inoltre di verificare che l'assicurazione comunale copra anche evantuali danni a terzi sui terreni soggetti a servitu' di passo.
 
Il segretario comunale Tatiana Lauriola risponde che e' scritto nel contratto che chi riparera' il tubo e' il privato.
 
L'assessore Giuliano Avi chiede di inserire un obbligo di manutenzione ordinaria e di chiarire cosa succede se ci sono danni a terzi dovuti a carenza di manutenzione ordinaria.
 
L'assessore Michele Andreatta ribadisce che la manutenzione ordinaria e' a carico dei privati e ringrazia il consigliere Anesi per il suggerimento a riguardo all'assicurazione e verifichera' che questa copra i rischi anche per quelle aree.
 
Il consigliere Sandro Valentini suggerisce di inserire nel contratto anche a titolo esemplificativo quali siano i lavori ordinari e quali quelli straordinari cosi' da non avere dubbi.
 
Il segretario comunale Tatiana Lauriola prende nota del suggerimento.
 
Il punto viene approvato all'unanimita' (18 voti).
 
Il presidente del consiglio comunale Alfonso Giovannini dichiara chiuso il consiglio comunale alle ore 23.00.
 
Al termine della seduta i consiglieri comunali di minoranza e maggioranza si sono augurati ed augurano alla popolazione di Baselga di Pine' i migliori auguri di un buon 2012.
 

Questo il resoconto non ufficiale della seduta del Consiglio Comunale di Baselga di Pine' del 28 dicembre 2011. Si ricorda che per la lunghezza degli interventi e la complessita' degli argomenti in discussione risulta difficile riportare dettagliatamente ogni intervento, sostituito pertanto da un breve riassunto. Invito i Consiglieri Comunali e/o il pubblico presente in aula a riportare nei commenti eventuali precisazioni o aggiunte, grazie.

Post inserito da Andrea Nardon - Insieme per Pine'

- Inserisci il tuo commento -

Nome:
Commento:
Codice antispam da copiare nella casella accanto prima dell'invio del messaggio:
Codice AntiSpam:    BFG56RTE9