Insieme per Pine' - Baselga di Pine'
  HOME  |   CHI SIAMO  |   BLOG  |   NEWSLETTER  |   CONTATTI  |  INDICE |    418024 visite


Consiglio Comunale del 19 novembre 2012 - Blog Insieme per Pine'
Consiglio Comunale del 19 novembre 2012 20/11/2012

In attesa dell'approvazione del verbale del Consiglio Comunale del 19 novembre 2012, si riporta una descrizione dei lavori svolti in aula. Per la lunghezza degli interventi e la complessita' degli argomenti in discussione risulta difficile descrivere dettagliatamente ogni intervento, sostituito pertanto da un breve riassunto. Invito i Consiglieri Comunali e/o il pubblico presente in aula a riportare nei commenti (e ad avvisare via email affinche' vengano subito visualizzati) eventuali precisazioni o aggiunte, grazie.

Poco dopo le 20 il Presidente del Consiglio Comunale Alfonso Giovannini coadiuvato dal segretario reggente del comune dott.sa Tatiana Lauriola, dichiara aperta la seduta.

Sono presenti 17 consiglieri comunali. Sono assenti giustificati i consiglieri comunali Sergio Anesi , Ambrogio Dalsant e Giorgio Mattivi.
 
Il presidente del consiglio Alfonso Giovannini ricorda che due nostri concittadini sono stati nominati cavalieri del lavoro: si tratta di Sergio Sighel e Paolo Dallapiccola.
 
Ricorda quindi che a partire da gennaio il medico di medicina generale dott. Renato Anesin andra' in pensione e lo ringrazia per il lavoro svolto a nome del consiglio comunale e dell'intera comunita'.
 
L'assessore comunale Luisa Dallafior invita i ragazzi che hanno partecipato al progetto "Summer Jobs": vengono chiamati uno ad uno i ragazzi e viene dato loro un attestato di partecipazione.
  


I ragazzi del Summer Jobs presenti in Consiglio Comunale


L'assessore Luisa Dallafior presenta i risultati del progetto Summer Jobs

 I ragazzi del Summer Jobs assieme al Sindaco di Baselga Ugo Grisenti
 
Il consigliere Sandro Valentini ringrazia i ragazzi e l'assessore Dallafior per averli seguiti e sottolinea l'importanza dell'iniziativa in quanto ha fatto crescere il senso civico dei ragazzi e conoscere il territorio. Propone di coinvolgere e allargare il progetto alle aziende del territorio comunale che potrebbero assumere in estate per brevi periodi per consentire ai giovani di imparare un lavoro.
 
Il consigliere Claudio Rensi si associa a quanto detto dal collega Valentini e propone anche lui di allargarlo alle aziende.
 
Il consigliere Rinaldo Anesin ringrazia i giovani e sottolinea l'importanza di conoscere la storia del proprio paese.
 
Il Sindaco Ugo Grisenti riferisce che ci sara' un ulteriore iniziativa dedicata ai giovani: la leva civica. Questa iniziativa vedra' coinvolti i ragazzi nell'anno del compimento del loro 18 anno anno di eta' e prevede che dedichino 40 ore del loro tempo per azioni di volontariato.
 
Il consigliere comunale Rinaldo Anesin riassume l'interrograzione dal titolo "Corsi gratuiti di italiano agli stranieri". Si dice favorevole a questi corsi e chiede come mai sono a pagamento invece i corsi di lingue straniere o corsi di informatica per gli italiani. Chiede quindi cosa paga il comune per questi corsi per stranieri e se ci sono corsi aperti a tutta la popolazione organizzati dal comune e quali siano i costi.
 
L'assessore Luisa Dallafior legge la risposta dove dice che i corsi di italiano per stranieri sono partiti nel 2001-2002; dall'insediamento di questa amministrazione il comune non ha pagato nulla, anzi ha anhce incassato una quota quale contributo delle eventuali piccole spese fatte (fotocopie); da quest'anno i corsi sono fatti attraverso CINFORMI. Per quanto riguarda i corsi aperti alla popolazione, c'e' un costo di iscrizione quale compartecipazione alle spese di gestione del corso stesso (spese per gli insegnanti e l'eventuali materiali messi a disposizione).
 
Il consigliere Rinaldo Anesin si dichiara soddisfatto della risposta precisa e puntuale. Dice quindi che i corsi sono importanti per gli stranieri ma lo sono anche per gli italiani.
 
Il consigliere Rinaldo Anesin legge la mozione dove chiede:
- di sollecitare la PAT affinche' riveda l'ICEF
- di sollecitare la PAT ad incrementare i controlli e a concedere i contributi solo a chi risiede da 10 anni
- di eliminare l'autocertificazione e usare altri metodi di verifica
- di sollecitare la PAT affinche' dia piu' aiuti ai trentini
- di erograre i contributi solo se i soldi vengono spesi in trentino
 
Il consigliere Andrea Nardon non si trova d'accordo con la mozione anche perchu' da un punto di vista tecnico non e' il luogo corretto. Suggerisce alla Lega di fare la mozione in consiglio Provinciale. Non si trova d'accordo anche perche' nella mozione non vengono proposte alternative all'ICEF. Non si trova per nulla d'accordo sull'abolire l'autocertificazione in quanto questo e' uno strumento molto utile ed e' una conquista dell'ultimo decennio. Non vorrebbe tornare indietro ad oltre dieci anni fa e dover ritornare in comune per fare il certificato di stato-famiglia in carta bollata. Si trova d'accordo sul discorso dei controlli, ma non solo sulla dichiarazione ICEF ma anche su tutto il resto partendo anche dai divieti di circolazione e/o simili.
 
L'assessore Avi Giuliano chiede se e' a conoscenza di rinnovi dei contributi piu' lunghi di quanto previsto dalla legislazione.
 
L'assessore Luisa Dallafior dice che sono previsti massimo 16 mesi di contributi.
 
Il sindaco Ugo Grisenti dice che la lega puo' proporre emendamenti in provincia (ora che stanno discutendo il bilancio) o proporre questo argomento nelle varie commisioni.
 
Il consigliere Sandro Valentini condivide sul discorso dei maggiori controlli e ribadisce che quando non c'e' lavoro si utilizzano questi mezzi. Ricorda che anche le case date in comodato ai figli sono considerate seconde case. Crede che siano molte le persone che trovano comodo smettere di lavorare per prendere questi contributi, ma dice anche che qualcuno (noi tutti) dobbiamo pagare questi soldi. Concorda pero' che il consiglio comunale non puo' sostituirsi alla provincia e ricorda che la cassa integrazione cala mese dopo mese e non dura 16 mesi come questi contributi. Il suo voto sara' di astensione in quanto non compete al consiglio comunale.
 
Il consigliere Rinaldo Anesi dice che ha presentato questa mozione in quanto concorda con il contenuto e si fa paladino dei cittadini di Pine'. Rispondendo al consigliere Nardon dice che chiede di riformulare il calcolo non di abolire l'ICEF. Non trova corretto che i soldi percepiti vadano a finire all'estero nei paesi di orgine di chi percepisce i contributi. 
   
Mozione respinta con 1 voto favorevole (consigliere Rinaldo Anesin), 2 voti contrari (consiglieri Andrea Nardon e Luisa Dallafior) e 14 astenuti.
 
L'assessore Giuliano Avi introduce il punto successivo: il comune di Baselga di Pine' paga 70mila euro per gestire i 5 cimiteri presenti sul territorio comunale. Gli incassi che coprono solo parte delle spese si attestano a 12mila euro. Questo non rispetta le ultime normative che prevedono che almeno il 50% sia a carico dei contribuenti.
 
Il rappresentante comunale all'interno di AMNU Diego Fedel fa una breve relazione sull'attivita' di AMNU dicendo che i dipendenti sono 63 e la societa' fornisce il servizio di raccolta rifiuti e spazzamento strade per 18 comuni e per 7 comuni svolge il servizio cimiteriale nei 40 campi santi complessivi.
Vegono raccolte 23mila tonnellate di rifiuti l'anno: 18mila sono differenziati e 5mila di residuo secco. L'organico e' una parte consistente della differenziata e per lo smaltimento va a finire in un centro di raccolta in veneto. Il comune di Baselga ha affidato nel 2003 il servizio cimiteriale (prima se ne occupava direttamente) e spiega quindi cosa vuol dire servizio cimiteriale:
- seguire una normativa molto complessa
- inumazione salma
- tumulazione resti o urna
- gestione degli spazi: potatura, taglio erba, sgombero neve
- manutenzione cancelli, fontane
- registro seppellimenti
- servizio funebre (recupero salme)
 
Il responsabile del servizio funebre Franco Chini illustra il regolamento di polizia mortuaria che e' composto da 80 articoli. Occorre cambiare il regolamento vigente perche':
- sono state modificate le leggi provinciali/statali
- cambiate le esigenze della poloazione (cremazione, dispersione ceneri, etc.)
- adeguamento delle tariffe per coprire i costi
- sanare le tombe di famiglia
- incentivare la cremazione
 
Il Sindaco Ugo Grisenti ringrazia Franco Chini per l'esposizione fatta e ringrazia anche il responsabile dell'ufficio anagrafe Cristina Dallapiccola.
 
Il consigliere Claudio Rensi chiede se e' previsto un luogo delle rimenbranze ove disperdere le ceneri. Chiede se per identificarlo occorre una delibera comunale e chiede inoltre se le ceneri possono essere disperse in un terreno privato.
 
Franco Chini risponde dicendo che non e' possibile disperdere le ceneri in un centro abitato (e di conseguenza in terreni privati). Si possono disperdere nei laghi a 200m dalla riva. Il familiare autocertifica il luogo della dispersione.
 
L'assessore Giuliano Avi ringrazia Diego Fedel e Franco Chini per le relazioni fatte.
 
L'assessore Bruno Grisenti introduce il successivo argomento la relazione su Comunicare la sostenibilita'.
 
La dott.sa Bonomi Annalisa spiega la relazione e parla del risultato dei focus group. Le domande che sono state fatte per ogni focus group sono le seguenti:
- Quali ritenete siano gli aspetti chiave del territorio di Baselga di Pine'?
- Quali a vostro avviso possono essere le leve principali per valorizzarli?
- Conoscente lo strumento di gestione ambientale Emas?
- Una certificazione di area puo' ampliare la capacita' comunicativa, ovvero sapersi proporre attraverso un piano di marketing territoriale, del territorio?
- Quali i punti di debolezza, le aree grigie, gli ostacoli alla valorizzazione, alla promozione e sviluppo di tale aree?
 

Sono stati fatti quattro focus group:

  1. Associazioni e cittadinanza (5 partecipanti)
  2. Ricettivita' e attivita' commerciali (15 partecipanti)
  3. Istituzioni (25 partecipanti)
  4. Aziende (10 partecipanti)
Sono stati quindi analizzati gli aspetti ambientali ritenuti significativi:u'

Acqua:
- Scarsita' d'acqua durante periodo estivo, perdite tubature.
- Centralina idroelettrica sul Rio Brusago: scarsa conoscenza del progetto e perplessita' in merito alla scarsita' di acqua che essa puo' provocare. Piu' informazione.
- Progetto Acquarena: si lamenta poca conoscenza del progetto. Si chiede di coinvolgere la cittadinanza per renderla partecipe alla conoscenza del progetto.
- Nel lago si afferma ci siano problemi di inquinamento, negli ultimi anni c'e' stata la valorizzazione delle sponde ma nonostante cio' il lago e' poco balneabile. L'ossigenatore ha migliorato sicuramente il suo stato.
- Fontane: percezione da parte della cittadinanza del loro valore storico. Si chiede di non togliere quelle attualmente presenti sul territorio; possibile riconversione in aiuola della fontana ingresso paese.
- Sorgenti di Costalta: vi e' la presenza di una sorgente ferruginosa Viene indicata la chiusura come incomprensibile alla comunita', considerata la scarsita' di acqua. Si nota un forte degrado nei pressi della sorgente.. Si potrebbe sviluppare
- Attivita' zootecnica: percezione causa di scarsita' idrica, ci sono dubbi sugli allacciamenti idrici dei privati, dello stadio e delle aziende agricole.
- La qualita' dell'acqua di Pine' e' ottima, l'acqua deve rimanere pubblica. Si suggerisce una possibile campagna comunicativa a favore dell'acqua di Pine' in accordo con gli albergatori potrebbe essere un'idea quella di far trovare l'acqua in brocca sui tavoli dei ristoranti pinetani

Gestione rifiuti:
- I turisti non comprendono le modalita' di raccolta differenziata. Si propone di diffondere maggiori informazioni.
 
Gestione del territorio:
- Maggiori controlli sul territorio, per presenza di discariche abusive, pollai ecc. Percezione di cattiva gestione del territorio come immagine (disordine, teli abbandonati -u' ).
- La coltivazione delle fragole porta un indotto economico e l'Amministrazione ha pochi strumenti per intervenire, ci sono molti posti di lavoro che il settore garantisce. L'irrogazione avviene attraverso il recupero dell'acqua ma gli anticrittogamici ci sono comunque.
 
Gestione patrimonio boschivo e naturalistico:
- Esistenza di una rete di sentieri di collegamento con le frazioni. I sentieri che collegano le frazioni e quelli del bosco sono poco segnalati. La gestione dei sentieri a cura della SAT un tempo era migliore. Necessita' di coinvolgere la comunita' nella gestione dei sentieri. Possibile sviluppo di un piano di comunicazione o possibile intervento di messa in posa di segnaletica di collegamento tra i sentieri.
- Aree private del bosco maggiore cura attraverso l'asporto delle ramaglie. Le Asuc e le Istituzioni territoriali, hanno il difficile compito di gestire l'avanzamento del bosco (esempio meritevole Dosso di Miola). Disboscamento e ampliamento delle radure attraverso l'introduzione della la pastorizia.
 
Gestione del patrimonio:
- Le perdite di ammoniaca dello Stadio del Ghiaccio preoccupano molto.
- Scarsa partecipazione al progetto di ammodernamento dello stadio del ghiaccio (scarsa comprensione della sua utilita' in alcuni soggetti presenti in sala).
- Richiesta di valorizzazione del vecchio casello di Miola come bene culturale.
- Eccesso di traffico nel centro del paese nel periodo estivo ma la chiusura del traffico e' stata vissuta come una sperimentazione positiva. Possibile continuazione della chiusura del traffico in estate e periodo natalizio.
- Parco giochi sul Doss di Miola poco utilizzato, perche' poco conosciuto.
Pianficazione urbanistica
- Migliorare la pianificazione delle aree produttive.
 
Economia del territorio:
- Cave: valorizzare le cave per far conoscere il territorio e la sua economia.(es. alle cave di Massa Carrara organizzano le visite guidate).
- Maggiore dialogo tra imprese e Pubblica Amministrazione. L'economia dell'Altipiano e' integrata, ma devono essere maggiori le possibilita' di confronto per convergere su linee comuni di potenzialita' del territorio. Avviare una fase di ascolto e sviluppo creando un tavolo di lavoro permanente con le diverse categorie economiche e turistiche
- L'economia della Valle ha bisogno di vivibilita' del territorio. Valorizzazione del patrimonio ambientale e comunicazione/interazione tra strutture ricettive.

 
Il Sindaco Ugo Grisenti ringrazia la dottoressa Bonomi, l'assessore comunale e i gruppi di lavoro.
 
Il consigliere Sandro Valentini ringrazia e chiede se erano presenti dei turisti nei focus group.

La dottoressa Bonomi risponde che non erano presenti turisti ma solo residenti e operatori economici.
 
Il consigliere Sandro Valentini dice che intersecare l'agricoltura con il turismo e' molto difficile. Ormai c'e' una zooctenia intensiva ma le stalle possono creare fastidio (per gli odori). Le aziende che si occupano di culture minori si stanno ridimensionando ed e' vero che ogni tanto scappa qualche telo, ma sempre meno da quando e' stata offerta la possibilita' di riciclaggio.
Per quanto riguarda la pulizia dei sentieri e del bosco chiede se deve esserci veramente il sindaco che obbliga e si chiede dove e' finito il nostro senso civico. Non c'e' piu' rispetto delle persone e di conseguenza non c'e' piu' rispetto per il territorio. Afferma infine che l'indagine fatta e' seria e veritiera.
 
Il consigliere Rinaldo Anesin dice che e' innegabile che turismo e ambiente vadano a braccetto. L'agricoltura non e' un danno, anzi. I turisti trovano incuria pertanto propone di dirottare i soldi dell'acquafan per darli a chi si occupa e pulisce il territorio.
 
Il Sindaco Ugo Grisenti dice che ci sono cose da migliorare, ma non ci sta a dire che tutto va male. Dice che tutti noi dobbiamo metterci del nostro per migliorare il territorio ed investire sui giovani come e' stato fatto con il summer job.
 
Si passa quindi all'approvazione del processo verbale del 24/09/2012 approvato all'unanimita' (17 consiglieri presenti).
 
Il sindaco Ugo Grisenti illustra il punto successivo relativo all'IMUP su terreni: la Provincia ha fatto una verifica sul territorio di Baselga ed ha trovato valori inferiori ai valori venali di comune commercio. Per tale motivo occorre adeguare il valore sul quale e' calcolata l'IMUP ai valori di mercato. Sono state individuate cinque zone omogenee:
1 centro abitato di Baselga
2 resto di Baselga, Miola, Vigo, Serraia
3 Rizzolaga, Campolongo, Sternigo, Ricaldo, Tressilla, Poggio dei Pini, Fiore'
4 Montagnaga
5 Faida, S.Mauro, Cane', Fiore', Grill, Valt ed il resto del territorio.

Per ognuna di queste aree e' previsto, a seconda dell'indice di edificabilita' un valore corrispondente ai valori di mercato. In pratica si tratta di un aumento di circa il 5% rispetto a giugno e del 30% rispetto al 2011.
 
Il consigliere Rinaldo Anesin afferma che non e' daccordo sull'IMUP e pertanto votera' contrario.
 
Il punto viene approvato con 12 voti favorevoli, 4 astenuti (consiglieri Valentini, Rensi, Sighel, Dalcolmo) e 1 contrario (Anesin).
 
L'assessore Luisa Dallafior illustra la convenzione con il comune di Pergine Valsugana per due posti nell'asilo nido. Tali posti non sono riservati ma consentono alle persone residenti a Baselga di Pine' di entrare in graduatoria e se entrano nella disponibilita' dei posti di usufruirne di massimo due.
Escono i consiglieri Mirko Giovannini e Sighel Massimo (15 consiglieri presenti).
Il punto viene votato con 15 voti favorevoli (unanimita' dei presenti in aula)
 
Rientra Mirko Giovannini (16 consiglieri presenti)
 
L'assessore Luisa Dallafior passa alla trattazione del punto successivo il servizio di mensa scolastica: il costo del servizio mensa e' attuamente suddiviso percentualmente in questo modo: 30% circa coperto dalla PAT, 50% circa coperto dagli utenti e il restante dalla Comunita' di Valle). La legislazione attuale prevede che si dovranno rispettare queste regole: il costo del buono pasto deve coprire almeno il 50% dei costi ma non puo' superare i 5 euro o il costo effettivo del servizio (nel nostro caso 4,19 euro).
I criteri che vengono ora approvati prevedono:
- la copertura del 60%-80% dei costi
- tariffa non superiore ai 5 euro
- riduzione percentuale a seconda dei figli a carico o dichiarazione ICEF
 
Il punto viene approvato all'unanimita' (16 voti).
 
Il presidente del consiglio Alfonso Giovannini avvisa che il prossimo consiglio comunale sara' venerdi' 30 novembre. Il consiglio viene chiuso alle 00.45 circa.
 
Questo il resoconto non ufficiale della seduta del Consiglio Comunale di Baselga di Pine' del 19 novembre 2012. Si ricorda che per la lunghezza degli interventi e la complessita' degli argomenti in discussione risulta difficile riportare dettagliatamente ogni intervento, sostituito pertanto da un breve riassunto.
 
 

Post inserito da Andrea Nardon - Insieme per Pine'

- Inserisci il tuo commento -

Nome:
Commento:
Codice antispam da copiare nella casella accanto prima dell'invio del messaggio:
Codice AntiSpam:    BFG56RTE9